GIALLO SULLA MORTE DI UN EX PRIGIONIERO PALESTINESE A SOFIA Omar Zayed si era rifugiato in Bulgaria per sfuggire all'estradizione chiesta da Israele. Abbas crea una commissione d'inchiesta

426
ZAYED

Un ex prigioniero palestinese, Omar Zayed, è morto nella sede diplomatica palestinese a Sofia, dove si era rifugiato per sfuggire a un ordine di estradizione. Secondo l’agenzia bulgara Bta, che cita fonti della Procura, si tratta di una “morte violenta”.

Il presidente dell’Autorità nazionale palestinese Abu Mazen ha definito “un crimine atroce” la morte di Zayed. Il Fronte popolare per la liberazione della Palestina (Fplp), di cui Nayef era un militante, ha confermato la notizia e ha evocato, secondo la Maan, una responsabilità del Mossad.

Abbas ha anche annunciato la creazione di una Commissione di inchiesta per “scoprire le circostanze” del decesso. L’uomo – per cui Israele aveva chiesto l’estradizione lo scorso dicembre dalla Bulgaria per l’uccisione di un israeliano nel 1986 e la relativa condanna all’ergastolo – è stato trovato, secondo la Maan, ferito nel giardino dell’ambasciata ma ancora vivo. Trasportato in ospedale è morto sull’ambulanza.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS