BERGOGLIO: “LA CARITA’ NON E’ SOLO ELEMOSINA PER LAVARSI LA COSCIENZA” Il Pontefice ha ricevuto in udienza i partecipanti al congresso "Cor Unum" a dieci anni dall'Enciclica "Deus caritas est"

657
  • English
papa cor unum

L’atto di carità “non è solo un’elemosina per lavarsi la coscienza, include un’attenzione d’amore rivolta all’altro”. Lo ha detto Papa Francesco ricevendo in udienza i partecipanti al congresso di Cor Unum a dieci anni dall’Enciclica di Benedetto XVI “Deus caritas est”. Bergoglio ha sottolineato che la “carità ricevuta e donata è il cardine della storia della Chiesa e della storia di ciascuno di noi”. “La carità sta dunque al centro della vita della Chiesa – ha aggiunto – e ne è veramente il cuore, come diceva santa Teresa di Gesù Bambino. Sia per il singolo fedele, sia per la comunità cristiana nel suo insieme vale la parola di Gesù, secondo cui la carità è il primo e il più alto dei comandamenti”. L’Anno giubilare che stiamo vivendo, ha proseguito, è anche l’occasione per ritornare a questo cuore pulsante della nostra vita e della nostra testimonianza, al centro dell’annuncio di fede: Dio è amore”.

Il Pontefice ha spiegato che Dio “non ha semplicemente il desiderio o la capacità di amare; Dio è carità: la carità è la sua essenza, la sua natura”. Egli “è unico, ma non è solitario; non può stare da solo, non può chiudersi in Sé stesso, perché è comunione, è carità, e la carità per sua natura si comunica, si diffonde. Così Dio associa alla sua vita di amore l’uomo e, anche se l’uomo si allontana da Lui, Egli non rimane distante e gli va incontro”. Carità e misericordia, ha sottolineato, “sono così strettamente legate, perché sono il modo di essere e di agire di Dio: la sua identità e il suo nome”.

L’Enciclica di Ratzinger “ci ricorda che questa carità vuole rispecchiarsi sempre più nella vita della Chiesa. Come vorrei che ognuno nella Chiesa, ogni istituzione, ogni attività riveli che Dio ama l’uomo!”. Il Papa ha poi aggiunto: “La missione che i nostri organismi di carità svolgono è importante, perché avvicinano tante persone povere ad una vita più dignitosa, più umana, cosa quanto mai necessaria; ma questa missione è importantissima perché, non a parole, ma con l’amore concreto può far sentire ogni uomo amato dal Padre, figlio suo, destinato alla vita eterna con Dio”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS