SVOLTA IN LIBIA: 101 DEPUTATI DI TOBRUK DICONO “SI'” AL GOVERNO UNITARIO

654
  • English
serraj

Nuovo passo in avanti della Libia verso un governo di unità nazionale. Centouno deputati del Parlamento di Tobruk hanno firmato un documento congiunto a sostegno dell’esecutivo presentato dal premier designato Fayez al Sarraj lo scorso 15 febbraio e chiesto di convocare a Jufra, nel centro del Paese, la nuova seduta di ratifica. La dichiarazione è stata siglata come reazione della decisione di rinviare alla prossima settimana il voto di fiducia. Si tratta di un progresso decisivo se si considera che era stata proprio Tobruk a far saltare la precedente squadra proposta da Sarraj.

I parlamentari che sostengono il governo di unità hanno raccontato di essere stati insultati e minacciati da una decina di deputati della Cirenaica, che avrebbero costretto il presidente dell’Assemblea, Agila Saleh, ad annullare la seduta e a rinviare il voto. Una deputata, Fauzia Abughalya, ha raccontato su Facebook che al suo arrivo in aula “alcuni membri, rappresentanti della Cirenaica, chiedevano agli altri membri di non entrare” e impedire così di raggiungere il quorum necessario per la votazione, pari a 93 deputati. Quando in aula erano presenti tra i 97 e i 100 deputati pronti a sostenere l’esecutivo, i rappresentanti della Cirenaica hanno raggiunto il seggio del presidente, impedendogli “fisicamente” di procedere con la votazione, stando alla ricostruzione riportata oggi dai siti libici.

“Una minoranza ha impedito alla maggioranza di esercitare il proprio diritto democratico di pronunciarsi sul governo di unità nazionale”, ha confermato un altro deputato Abubaker Ahmed Saeed. “Sappiamo che questo governo non farà molto nè soddisferà tutte le parti – ha ammesso Abughalya – ma è la prima pietra di un cammino giusto per dare vita al nostro Stato, al nostro esercito e alle nostre forze di polizia per combattere il terrorismo e fare in modo che tutti i migranti e gli sfollati tornino a casa. Il nostro obiettivo è avere uno Stato libico unito e democratico, non uno Stato tribale o regionale”.

Soddisfatto il rappresentante Onu in Libia, Martin Kobler, che ha invitato “la leadership del Parlamento di Tobruk a formalizzare la dichiarazione della maggioranza dei propri membri che ha approvato il governo di unità nazionale”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY