L’UE: IN ITALIA ANCORA SQUILIBRI MACROECONOMICI NONOSTANTE I PROGRESSI Oggi la bozza sulla situazione finanziaria del nostro Paese sarà esaminata dalla Commissione Europea. Sotto osservazione anche Francia, Portogallo e Bulgaria

494
renzi

In Italia permangono squilibri macroeconomici che rendono necessario tenere il Paese sotto osservazione nonostante i progressi fatti su diversi fronti, dal mercato del lavoro alla pubblica amministrazione, passando per le banche e la scuola. Questa, a quanto si è appreso, l’indicazione contenuta nel rapporto sugli squilibri macroeconomici nei Paesi Ue che oggi sarà sul tavolo della Commissione europea. Nel documento si evidenzia però anche il permanere di un costo eccessivo del servizio del debito.

L’Italia, secondo la bozza del rapporto, è stata collocata nella categoria dei Paesi con squilibri macroeconomici “importanti” insieme alla Francia, al Portogallo e alla Bulgaria. Ma i toni utilizzati nel testo che descrive la situazione del Paese, sottolineano fonti europee, sono “piuttosto positivi e incoraggianti”. E questo anche se non mancano i rilievi critici che, oltre al peso del debito, evidenziano anche quanto resta ancora da fare, tra l’altro, per far crescere la produttività e combattere evasione e corruzione.

Nel rapporto della Commissione anche la Germania resta sotto osservazione a causa del suo avanzo delle partite correnti, ma viene collocata nella fascia dei Paesi con squilibri macroeconomici, cioè quella prima della categoria in cui si trova l’Italia e dopo quella del gruppo dei Paesi “promossi”. La graduatoria preparata da Bruxelles prende anche una quarta categoria, quella dei Paesi in cui la situazione è così grave da richiedere azioni correttive importanti e quindi l’avvio di una procedura “ad hoc” che quest’anno, per la prima volta, riguarderebbe almeno un Paese che comunque non sarà sicuramente l’Italia.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY