CREA UN SITO WEB PER INSULTARE LA MOGLIE

784
insultare

C’è una sottile linea che separa il rancore dalla follia e Patrick Fox, 35 enne canadese, l’ha superata abbondantemente. L’uomo ha deciso di rovinare la vita dell’ex moglie, nonché madre di suo figlio, e ha dichiarato ai media che non si placherà finché la donna non sarà “ indigente e senza casa”.

Tutto è iniziato nel 2009, quando Fox è finito in carcere in Canada per aver mentito sulla sua nazionalità, essendosi dichiarato più volte cittadino americano. Dopo due anni dietro le sbarre, l’uomo ha iniziato a perseguitare l’ex moglie perché non gli permetteva di vedere suo figlio. Da qui, la decisione di creare un sito web sul quale infangare la reputazione della donna, Desiree Capuano, una cittadina dell’Arizona che per anni ha assistito impotente alle accuse pubbliche dell’ex marito.

L’uomo ha postato sul web foto private, alcune molto intime, della giovane donna, tutte accompagnate da commenti offensivi: “ tossicodipendente, razzista, ex spogliarellista, madre degenere, una persona cattiva” . Lei si è accorta del sito grazie a un  collega che le ha consigliato di non pubblicare informazioni troppo private sui social. Si trattava, infatti, di pezzi scritti tutti in prima persona, come se fosse stata la stessa Desiree a scriverli di suo pugno, in una sorta di diario dei suoi presunti eccessi.

La donna, scoperto il sito web, ha iniziato la sua personale lotta per far desistere l’ex marito, ma la legge non è dalla sua parte perché “in Canada c’è la libertà di parola”. “Nessuno riesce ad aiutarmi – ha dichiarato Desiree alla stampa – vedere tutta questa spazzatura sul web è stato uno choc, l’inizio di un incubo”. Fox “è senza dubbio una persona malata – ha affermato l’attuale fidanzato di Desiree, anch’egli finito suo malgrado sul web- e sta trasferendo tutto il suo odio nei suoi confronti, tutto questo fa davvero paura”. Fox ha anche ammesso di avere un obiettivo finale a dir poco delirante, spingere al suicidio la donna attraverso il cyber bullismo. Distruggerle la vita, online e fuori.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS