IL TEATRO REGIO DI TORINO ALL’ HONG KONG ARTS FESTIVAL Un'intera settimana della kermesse sarà dedicata a una programmazione pensata per l'Orchestra e il Coro del Teatro Regio di Torino

780
teatro regio

Dopo le trionfali tournée a Tokyo, San Pietroburgo, Edimburgo, Parigi, Stati Uniti e Canada il Teatro Regio di Torino volerà a Hong Kong per partecipare al 44° Hong Kong Arts Festival, il più importante Festival dell’Estremo Oriente. Un’ intera settimana di programmazione durante la quale sarà eseguita una proposta musicale completa e variegata, che da Verdi arriva fino a Šostakovič, passando per Wagner e Prokof’ev.

L’Hong Kong Arts Festival, nato nel 1973, ha sempre presentato il meglio del panorama culturale internazionale delle performing arts, imponendosi sin da subito come uno degli appuntamenti culturali più attesi e prestigiosi dell’Estremo Oriente.

Il programma previsto per il Teatro Regio è l’ideale per mostrare la duttilità e l’indiscusso livello dell’Orchestra e Coro. Il 26 febbraio sarà eseguito il “Simon Boccanegra” di Verdi, con regia, scene e costumi di Sylvano Bussotti. A dirigere, Roberto Abbado, che a soli 23 anni diresse la sua prima opera, proprio il “Simon Boccanegra”, allo Sferisterio di Macerata. Il 27 febbraio, invece, è previsto un Gala dedicato a Verdi e Wagner. Saranno eseguiti Preludi, Sinfonie, Ouverture e Cori tratti da “Aida”, “La traviata”, “Macbeth”, “Don Carlo”, “Der fliegende Holländer”, “Parsifal”, “Tannhäuser”, a dirigere sempre Roberto Abbado.

Il 4 marzo, alla Concert Hall, Gianandrea Noseda chiuderà la tournée con un concerto dedicato a Prokof’ev e Šostakovič. Il maestro Noseda è un grande esperto del repertorio russo, approfondito durante gli anni trascorsi al Teatro Mariinskij e presenta due capolavori del Novecento di indiscusso valore. In programma anche incontri, tour nel backstage e, il 29 febbraio, il concerto “C’era una volta il Cinema” alla Concert Hall. Tutte le iniziative si potranno seguire sull’apposito canale su youtube.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS