ATTENTATI A DAMASCO E A HOMS: ARRIVA LA RIVENDICAZIONE DEL CALIFFATO L'ultimo bilancio è di almeno 155 morti e 178 feriti. Tra le vittime civili ci sono anche donne e bambini

607
attacchi homs

Il Daesh ha rivendicato su Internet gli attentati sferrati ieri a Damasco e a Homs, che secondo l’ultimo bilancio hanno causato la morte di almeno 155 persone. Gli attivisti dell’Osservatorio siriano per i diritti umani precisano che 99 sono i civili che hanno perso la vita negli attentati, tra cui donne e bambini. L’agenzia di stampa Sana aggiunge, citando una fonte di polizia, che almeno 178 persone, tra cui bambini, risultano ferite.

Gli attivisti dell’Osservatorio riferiscono che 96 persone hanno perso la vita, tra cui 60 civili e 12 soldati del regime, in quattro esplosioni nel sobborgo a maggioranza sciita di Sayyida Zeinab a sud della capitale siriana. Sono invece 59 i morti a Homs, di cui 39 civili, uccisi a causa di un duplice attentato condotto con autobomba nel distretto a maggioranza alawita di Al-Zahraa. Sono oltre 250mila le persone uccise in Siria dal marzo del 2011 e circa 11 milioni quelle costrette ad abbandonare le loro case.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS