STAMPA 3D: CREATI I PRIMI TESSUTI IMPIANTABILI NEL CORPO UMANO Un centro di ricerca del North Carolina ha sperimentato un nuovo metodo che crea “organi” compatibili con il corpo umano

695
stampante 3d

Integrated Tissue and Organ Printing System, è questo il nome del nuovo sistema di stampa 3D del Wake Forest Baptist Medical Center che produce tessuti “personalizzati” prendendo a modello le immagini ricavate da tac e risonanze magnetiche. Il centro di ricerca del North Carolina è specializzato in medicina rigenerativa, ossia quella branca della medicina che mira a ripristinare la funzionalità di parti del corpo umano danneggiate con tessuti e organi ottenuti in laboratorio con tecniche di bioingegneria.

Il centro ha impiegato circa 10 anni per mettere a punto questo nuovo metodo: il dispositivo funziona depositando strati di “inchiostro” biologico, composto da materiali biodegradabili, associati a una struttura temporanea di sostegno e a un gel a base acquosa, in cui sono immerse le cellule che daranno vita ai tessuti. All’interno del materiale viene posta una rete di micro-canali attraverso i quali passano i nutrienti e l’ossigeno necessari affinché il pezzo sia pervaso da un sistema di capillari sanguigni e possa essere integrato poi nell’organismo umano.

Ad oggi sono stati creati 3 veri e propri prototipi di “organi”– un orecchio, un pezzo di mandibola e un muscolo – ma si tratta di risultati preliminari. ”La tecnica permette di creare tessuti strutturalmente stabili e delle dimensioni adatte: ora – concludono i ricercatori – dobbiamo perfezionarla ulteriormente, anche per poter usare una più ampia varietà di cellule”. Un dato particolarmente rilevante è che queste strutture hanno dimensioni, resistenza e funzionalità che le renderebbero adatte all’applicazione nell’essere umano, ma per ora questi organi sono stati impiantati con successo solo nei topi e sembrano essersi integrati bene con i tessuti vicini, in particolare con i vasi sanguigni e i nervi.

Finora le tecniche di stampa in 3D convenzionali non hanno potuto produrre strutture di dimensioni adatte all’impianto nell’organismo umano. “Questa innovativa bio-stampante 3D rappresenta un importante passo avanti nella ricerca di organi di ricambio, poiché consente di produrre tessuti di qualunque forma – ha spiegato Anthony Atala, autore dello studio – e con ulteriori sviluppi, si potrebbero ottenere organi adatti ai trapianti”.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS