MICROSOFT, IL PC SI COSTRUISCE COME I LEGO Il brevetto è stato depositato lo scorso luglio, ma la notizia si è diffusa in questi giorni

814
microsoft

Un pc che si può costruire come un lego, con componenti assemblabili e facilmente sostituibili, come se si trattasse dei famosi mattoncini di plastica. La notizia è di questi giorni, ma gli ingegneri della Microsoft hanno depositato il brevetto del pc modulabile già nel luglio dello scorso anno. Il progetto è stato accolto con molto fervore nel mondo dell’informatica, perché in questo modo gli utenti potrebbero aggiornare o sostituire il sistema sostituendo alcuni pezzi, senza la necessità di comprare un computer nuovo. Tra gli ideatori del prototipo c’è anche Tim Escolin, senior industrial designer che ha già lavorato nella squadra del progetto Microsoft Surface, la serie di tablet con una cover che può trasformarsi in tastiera, diventando così un pratico pc portatile.

Il pc assemblabile avrebbe alcune componenti modificabili e impilabili, come la batteria, la scheda video, il processore, la memoria e il modulo che consente la connessione wireless. Inoltre, gli autori del brevetto avrebbero sviluppato una componente per il riconoscimento dei gesti e un’unità di proiezione di ologrammi.

“Il dispositivo può essere modificato dall’utente in modo intuitivo senza che sia richiesta una conoscenza dettagliata dell’hardware”, spiegano gli ingegneri Microsoft, precisando che questo pc sarà alla portata di tutti, non solo dei pochi che si intendono di informatica.

Per ora, il pc assemblabile rimane solo un progetto: questo tipo di computer, infatti, sono esattamente una novità, ma ad oggi è molto difficile realizzarli, difatti non sono ancora arrivati sul mercato. Lo stesso Google aveva provato a realizzare uno smartphone modulabile con il Project Ara, ma anche questo progetto non ha visto vita.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS