AUSTRALIA, CREATA UNA ZANZARA RESISTENTE AL VIRUS ZIKA L'insetto è infettato da un batterio che prevenire la trasmissione della malattia

699
zika

Arrivano buone notizie per debellare il virus Zika che sta terrorizzando il Brasile: un team di scienziati australiani hanno creato una nuova sottospecie di zanzara che potrà aiutare a combattere malattie come dengue e zika, causa della nuova emergenza globale dichiarata dall’Oms. Gli studiosi del Peter Doherty Institute dell’University of Melbourne hanno sviluppato in laboratorio un Aedes aegypti, la portatrice di questi virus, che è stata infettata con due tipi di un batterio detto wolbachia. Dai dati risulta che “la zanzara super-infettata si è dimostrata più efficace nel prevenire la trasmissione del virus dengue, di quella infettata da un solo tipo di batterio”, scrive il responsabile del progetto, il biologo molecolare Cameron Simmons, sulla rivista Plos Pathogens.

Non solo: i test suggeriscono che il biocontrollo con il wolbachia può essere efficace per altri virus portati dalla Aedes aegypti come quelli della febbre gialla, il chikungunya. Gli studi sulla dengue hanno dimostrato che quando una zanzara punge una persona infettata, viene bloccata la capacità del virus di diffondersi attraverso i tessuti dell’insetto affetto da wolbachia. Se il dengue non raggiunge le ghiandole salivari della zanzara, questa non può trasmetterlo all’uomo. “Essenzialmente, è un vicolo cieco per il virus”, afferma Simmons. Il wolbachia si trasmette attraverso le femmine alle successive generazioni, il che significa che l’infezione batterica si può diffondere rapidamente attraverso la riproduzione delle stesse zanzare. Nella prossima fase di sperimentazioni sarà messa alla prova l’efficacia del biocontrollo della trasmissione di dengue.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS