FERRARI: ECCO LA NUOVA SF16-H Presentata a Maranello e in diretta streaming, la nuova Ferrari è arrivata dopo un periodo di grande lavoro e di importanti investimenti

708
ferrari

“Definirla un’auto da corsa è un po’ riduttivo, il suo nome è Ferrari e va oltre il concetto di auto da corsa”, così il team principal Maurizio Arrivabene presenta la Sf16-H, la nuova Ferrari che è stata svelata a Maranello e in diretta streaming sul sito della scuderia. “Questa non è la mia Ferrari –  ha precisato il team principal –  ma la Ferrari di tutti quegli uomini e quelle donne che lavorano e hanno lavorato a Maranello”.

“Quest’auto è frutto del lavoro di molte persone, – ha aggiunto Arrivabene – di un grande impegno prima di tutto del nostro presidente, che ci ha dato i mezzi per far sì che nulla fosse lasciato al caso”. La “H” del nome sta per Hybrid, a indicare la propulsione ibrida, che è la tecnologia utilizzata da due anni nello sviluppo del motore motori.

Per quanto riguarda la configurazione, la livrea bianca ricorda molto quella della monoposto degli anni ’70. “L’aspetto della Sf16-H è fantastico – ha commentato Kimi Raikkonen, pilota della Ferrari – abbiamo aspettato tanto per arrivare a questo momento, ma ci siamo arrivati e molto brillantemente. Avremo una grande stagione”. Dello stesso parere l’altro pilota Ferrari, Sebastian Vettel, che ricorda la passata stagione: “è stato un periodo difficile. C’erano aspettative e difficoltà, ma questa dev’essere grandiosa. La nuova Sf16-H è bellissima: c’è stato un lavoro continuo, che continuerà ancora. Non vedo l’ora di entrare in pista” . Ai due campioni spetterà dimostrare la grandezza di questa nuova auto, iniziando dalla sessione di test di apertura Montmeló, in attesa della partenza del Mondiale 2016 di Formula 1.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS