IRAQ, 40 PERSONE CONDANNATE A MORTE PER L’ATTACCO ALLA BASE MILITARE DI SPEICHER In poco più di sei settimane, nel Paese, 92 persone sono state condannate alla pena capitale

576
iraq

Quaranta persone sono state condannate a morte in Iraq perché l’accusa di aver preso parte nel giugno del 2014 al massacro di circa 1.700 reclute, in maggioranza sciite, compiuto dall’Isis nella base militare di Speicher, vicino a Tikrit. Lo hanno riferito fonti giudiziarie citate dalla televisione panaraba Al Arabiya e da Amnesty International.

L’organizzazione umanitaria ha criticato la sentenza, affermando che essa è giunta al termine di un processo “fondamentalmente viziato”. Il massacro avvenne durante la fulminea avanzata con cui l’Isis si impadronì di Mosul e Tikrit in pochi giorni, mentre l’esercito di Baghdad si dava alla fuga.

Inoltre Amnesty International ha sottolineato come, in poco più di sei settimane, in Iraq siano state condannate a morte 92 persone. Secondo l’organizzazione umanitaria la maggior parte dei processi sono stati “viziati”. James Lynch, vice direttore di Amnesty per il Medio Oriente e il Nord Africa, sostiene che “la gran parte dei processi sono stati grossolanamente ingiusti, con molti degli imputati che hanno affermato di essere stati costretti a ‘confessare’ sotto tortura”. “Queste affermazioni vanno verificate urgentemente – aggiunge Lynch – e vanno ordinati nuovi processi che rispettino gli standard internazionali del giusto processo”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS