IL SANTO DEL GIORNO SANTI SETTE FONDATORI DELL'ORDINE DEI SERVI DI MARIA

539

sette fondatori

Santi sette fondatori dell’Ordine dei Servi di Maria. Prima mercanti a Firenze, di comune accordo, sul monte Senario, si consegnarono nelle mani della beata Maria, istituendo l’Ordine sotto la regola di sant’Agostino. Intorno al 1233 d.C., mentre Firenze era sconvolta da lotte fratricide, i sette, legati tra loro dell’ideale evangelico della comunione fraterna e del servizio ai poveri, decisero di ritirarsi per far vita comune nella penitenza e nella contemplazione. Lasciate attività, case e beni ai poveri, verso il 1245 d.C. si ritirarono sul Monte Senario, nei pressi di Firenze, dove costruirono una piccola dimora e un oratorio dedicato a santa Maria.

Molti si rivolgevano a loro per risolvere dubbi e angosce, tanto che essi decisero di dare inizio all’Ordine dedicato alla Vergine, “l’Ordine dei Servi di Maria”. Nel 1888 Leone XIII canonizzò i sette primi Padri, sepolti, insieme, a Monte Senario. Si tratta di San Bonfiglio, guida del gruppo laico e poi priore della nascente comunità. San Bonagiunta, priore tra il 1256 e il 1257. San Manetto, artefice delle prime fondazioni in Francia. Sant’Amadio, anima del gruppo. San Sostegno e Sant’Uguccione, amici tra loro. Sant’Alessio, zio di santa Giuliana.

CURIOSITA’: I sette fondatori sul Monte Senario edificarono un mistico tabernacolo, fondato sull’umiltà, costruito con la loro concordia, conservato dalla loro povertà, abbellito dalla loro purezza e completato col loro buon esempio. Poco dopo cominciarono ad accettare soci alla loro vita di preghiera e di penitenza e a fondare altri conventi. Nel 1245 d.C. strinsero amicizia, a Firenze, con san Pietro Martire da Verona, domenicano, che, secondo un leggenda, ebbe conferma dalla Madonna sulla Regola da seguire (quella di sant’Agostino), sull’abito e sul nome del nuovo Ordine Religioso.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS