UNA MOSTRA DEDICATA A DUCHAMP PER CELEBRARE IL CENTENARIO DEL DADAISMO L'evento sarà ospitato al Museo Comunale di Ascona (Canton Ticino) dal 25 marzo al 26 giugno

948

Esattamente 100 anni fa nasceva il Dadaismo, una tendenza culturale sorta a Zurigo nel 1916 nella Svizzera neutrale della prima guerra mondiale. Per celebrare il primo centenario “Dada”, il Museo Comunale di Ascona (Canton Ticino, sul Lago Maggiore) ospiterà dal 25 marzo al 26 giugno una grande mostra dedicata al genio di Marcel Duchamp, tra i protagonisti del movimento d’avanguardia che ha avuto influenze cruciali nell’arte di tutto il ‘900. La rassegna, curata in collaborazione con l’istituto museale tedesco di Schwerin, lo Staatliches Museum, si intitolerà “Marcel Duchamp. Dada e Neodada” e offrirà una selezione delle emblematiche opere dell’artista, affiancate a quelle dei maggiori esponenti di Fluxus, un network internazionale di artisti, compositori e designer divenuti famosi per aver mescolato negli anni ’60, diversi media e diverse discipline artistiche lavorando nel campo del cosiddetto “Neo-Dada” applicandolo alle Arti visive, alla pianificazione urbanistica, all’architettura, al design e alla letteratura.

Il dadaismo, che ha interessato soprattutto le arti visive, la letteratura (poesia, manifesti artistici), il teatro e la grafica, incarnava la sua politica antibellica attraverso un rifiuto degli standard artistici, come dimostra il nome “dada” che non ha un vero e proprio significato. Il movimento ha quindi messo in dubbio e stravolto le convenzioni dell’epoca, dall’estetica cinematografica e artistica, alle ideologie politiche; ha inoltre proposto il rifiuto della ragione e della logica, ed ha enfatizzato la stravaganza, la derisione e l’umorismo. Gli artisti dada erano volutamente irrispettosi, stravaganti, provavano disgusto nei confronti delle usanze del passato; ricercavano la libertà di creatività per la quale utilizzavano tutti i materiali e le forme disponibili. Marcel Duchamp (1887 – 1968) è stato un pittore, scultore francese naturalizzato statunitense nel 1955 ed è considerato fra i più importanti e influenti artisti del XX secolo.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS