“MI HAI TRADITO”: BRUCIA IL GATTO DELLA FIDANZATA

775
gatto

Ha ucciso a sangue freddo un gatto, la cui unica colpa è stata avere due proprietari folli di gelosia. Il tribunale di Nizza, però, gli ha dato una pena esemplare, condannandolo a due anni di reclusione e senza condizionale, creando un precedente importantissimo per la lotta alle violenze sugli animali.

Una sera come tante il gatto Griffin stava appisolato sul divano quando il suo padrone lo ha afferrato per la coda, lo ha cosparso di alcol e gli ha dato fuoco per intimorire la compagna, con la quale litigava da mesi per questioni di gelosia. La donna, che non aveva capito quanto fosse grave la situazione, non ha potuto fare nulla per salvare il micio e ha assistito alla scena impietrita.

“ Il gatto miagolava e si dibatteva – ha detto in tribunale – ma non l’ho preso sul serio. Mi guardava con un sorriso beffardo e l’animale ha preso fuoco”. A questo punto, l’uomo ha gettato dal settimo piano la bestiolina, che è arrivata al suolo ancora viva, ma è stata soppressa dopo poche ore perché non c’erano più speranze. “Non volevo bruciarlo, volevo solo impressionarla, – ha dichiarato il 30 enne – questa donna mi ha fatto impazzire, io sono un tipo molto gentile”.

Il tribunale di Nizza, forse, ha un’idea diversa della gentilezza, quindi ha deciso di dare una lezione indimenticabile a questo folle. La Fondazione Brigitte Bardot, che da anni si batte per la difesa degli animali, parla di una “pena giusta ed esemplare”. Alla lettura della sentenza hanno assistito una cinquantina di persone, soprattutto donne, tutte scandalizzate per il comportamento dell’uomo.

Le associazioni animaliste sperano che questo giudizio serva per sensibilizzare l’opinione pubblica e accendere i riflettori sulle violenze che subiscono gli animali domestici, che spesso si ritrovano a dover vivere situazioni terribili e sono vittime di atteggiamenti crudeli da parte degli stessi padroni.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS