IL SANTO DEL GIORNO SANTI FAUSTINO E GIOVITA

588

san_faustino_giovitaSanti Faustino e Giovita, martiri. La loro vita viene ricostruita, con l’aggiunta di diversi elementi leggendari che compaiono nella fonte “legenda maior”. Di storico vi è l’esistenza dei due giovani cavalieri che, convertiti al cristianesimo, furono tra i primi evangelizzatori del Bresciano e che morirono martiri tra il 120 d.C. e il 134 d.C. al tempo dell’imperatore Adriano.

La tradizione arricchisce di particolari il loro martirio. La loro conversione viene attribuita al vescovo Apollonio, lo stesso che poi ordina Faustino presbitero. Si dedicarono alla predicazione ottenendo abbondanti frutti, ma tanto zelo non poteva restare a lungo nascosto: un certo Giuliano li denunziò e li fece arrestare. Il loro successo nella predicazione li espone all’odio dei maggiorenti di Brescia che invitarono il governatore della Rezia Italico a eliminare i due col pretesto del mantenimento dell’ordine pubblico. La morte di Traiano, promotore della persecuzione, ritarda però i piani del governatore, che approfittando della visita del nuovo imperatore Adriano a Milano denuncia i due predicatori come nemici della religione pagana. Diversi eventi miracolosi li risparmiarono dalla morte e spinsero numerosi pagani, tra cui anche la moglie di Italico, Afra, a convertirsi. Arrivò comunque il tempo in cui furono dati in pasto alle fiere ma queste si accovacciarono ai loro piedi lambendoli dolcemente. A nulla valsero le urla, le istigazioni dei domatori e del popolo, a nulla valse il prolungato digiuno delle belve: non era ancora scoccata l’ora di Dio. Tratti fuori dal circo, furono portati a Milano e da Milano a Roma; quindi a Napoli, sempre assoggettati a tormenti d’ogni specie ma gli invitti confessori di Cristo pregavano e tacevano e il Signore dava loro la forza per resistere e vincere. Infine vennero decapitati a Brescia.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS