CORTE SUPREMA USA: MUORE ANTONIN SCALIA, PRIMO GIUDICE ITALO AMERICANO Era stato nominato nel 1986 da Ronald Reagan. Obama: "Nominerò subito un successore". Ma è polemica con i repubblicani, Trump si appella ai senatori

677
scalia

Si è spento all’età di 79 Antonin Scalia, il primo giudice della Corte Suprema Usa di origini italo americane. Il corpo senza vita del magistrato, che era stato nominato nel 1986 da Ronal Reagan ed era quindi il più anziano del massimo organo giurisdizionale americano, è stato trovato in un resort in Texas, deceduto apparentemente per cause naturali. Secondo la stampa locale Scalia era arrivato al resort venerdì e aveva partecipato ad una festa con 40 persone.

Dopo avere ricordato il valore del giurista Scalia il presidente Barack Obama si è detto intenzionato ad adempiere alle sue responsabilità costituzionali, procedendo “a nominare a tempo debito un successore” del giudice della Corte Suprema. Il numero uno della Casa Bianca ha poi aggiunto: “Sono responsabilità che prendo sul serio, come dovrebbero tutti, perché sono più grandi di qualsiasi partito”.

Ma Obama deve affrontare una battaglia feroce e prolungata con i repubblicani che hanno già dichiarato di non avere alcuna intenzione di permettere al Presidente di scegliere il successore di Scalia. Donald Trump rivolgendosi ai senatori del suo partito li ha invitati a bloccare la nomina che arriverà dalla Casa Bianca. “Questo ci ricorda quanto questa elezione sia importante. La Costituzione deve essere interpretata nel modo in cui originariamente fu pensata” ha detto il magnate. Jeb Bush, da parte sua, ha riconosciuto che “il presidente ha il diritto di nomina” ma ha poi sottolineato che per sostenerlo necessita di “un consenso, che senza dubbio non ha”. Sulla stessa linea Ted Cruz e Ben Carson.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS