IL PREMIER FRANCESE: “NUOVI ATTENTATI SU LARGA SCALA? È UNA CERTEZZA” Turchia e Arabia Saudita si dicono pronte a un’eventuale operazione terrestre in Siria

458
valls

“Ci saranno altri attentati, attentati su larga scala: è una certezza”. È quanto affermato dal premier francese Manuel Valls durante la Conferenza sulla Sicurezza che si è tenuta a Monaco di Baviera. Il preoccupante monito continua a tenere in fibrillazione l’opinione pubblica mondiale oltre che le diverse intelligence. “Siamo entrati – ha spiegato Valls – in una nuova era caratterizzata da una presenza perdurante di una sorta di iper-terrorismo”. Pertanto, ha continuato, “dobbiamo essere pienamente consapevoli della minaccia e reagire con grande forza e grande lucidità”. Concludendo il suo intervento il primo ministro transalpino ha parlato dell’importanza di trovare strategie contro la radicalizzazione: “Esiste questa fascinazione ideologica, ci sono migliaia di estremisti in Francia, anche tante donne”.

Intanto Turchia e Arabia Saudita si dicono pronte a un’eventuale operazione terrestre in Siria, come confermato dal ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu, che ha sottolineato la necessità di adottare “una strategia ampia”. Il segretario di Stato Usa John Kerry, in un’intervista alla Orient Tv di Dubai, ha avvertito che se “il presidente siriano Assad non terrà fede agli impegni presi e l’Iran e la Russia non lo obbligheranno a fare quanto hanno promesso, la comunità internazionale non starà certamente ferma a guardare come degli scemi: è possibile che ci saranno truppe di terra aggiuntive”. Infine, anche il premier russo Dmitry Medvedev ha dipinto foschi scenari per il futuro. “Se la situazione in Siria e in altre zone ‘calde’ non si normalizzerà – ha evidenziato – il terrorismo si tramuterà in un nuovo tipo di guerra coinvolgendo il mondo intero”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS