MADRE E FIGLIO DI 8 ANNI MORTI NEL MACERATESE: SI E’ TRATTATO DI OMICIDIO-SUICIDIO La donna, che viveva dal padre col figlioletto, aveva denunciato l'ex compagno per stalking

616
carabinieri

Si è trattato di omicidio-suicidio la tragedia familiare avvenuta ieri nel maceratese. Una donna di 32 anni, Laura Paoletti, e suo figlio di 8 sono stati ritrovati senza vita in un appartamento al piano superiore di uno stabilimento industriale a Sambucheto di Recanati, in provincia di Macerata, uccisi da colpi di arma di fuoco. A scoprire i corpi nell’appartamento in affitto, in via Mariano Guzzini 31, era stato il padre della donna, che aveva subito lanciato l’allarme. Sul luogo era arrivato il sostituto procuratore di Macerata Enrico Rastrelli e il medico legale: per madre e figlio non c’era più nulla da fare.

Secondo le prime informazioni che trapelano da fonti investigative la madre avrebbe sparato al suo bambino con un fucile da caccia di proprietà di suo padre per poi puntarsi l’arma sotto il mento, uccidendosi. Le cause sarebbero da rintracciare nella separazione conflittuale protrattasi da anni con l’ex compagno, padre del bimbo. Sembra che in passato la donna avesse denunciato il suo ex per stalking e che in seguito l’auto di Laura Paoletti sarebbe stata data alle fiamme da ignoti.

Non sarebbe dunque stata una separazione amichevole quella tra Laura Paoletti e il suo ex compagno nonostante le trattative fossero comunque a buon punto e si stessero definendo i particolari degli incontri tra il padre e il figlioletto. La donna non aveva problemi economici: laureata in economia, era impiegata presso uno scatolificio della zona. Stava ristrutturando una casa in campagna dove andare a vivere con il bambino e per questo si era temporaneamente trasferita in casa del padre. Ieri, improvvisamente, la tragedia.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS