HIJAB BARBIE, LA BAMBOLA FASHION CHE INDOSSA IL VELO Una studentessa nigeriana ha deciso di creare una linea di vestiti per Barbie che sia in linea con i precetti religiosi dell'islam

883
Hijab

Una Barbie con il velo. Sembra un’altra trovata della Mattel, che ha da poco messo in vendita le versioni “normalizzate” della celebre bambola bionda, invece è un’idea di Haneefa Adam, una studentessa nigeriana di medicina che ha preso spunto dai cambiamenti fatti dall’azienda di giocattoli americana e ha deciso di dare il suo personale contributo alla creazione di una bambola adatta anche alle bambine musulmane.

“Volevo che ci fosse una Barbie con la quale potessero relazionarsi le ragazze musulmane,  – ha spiegato la ragazza alla Cnn – e siccome non ne ho mai vista una indossare l’hijab, ho deciso di aprire un profilo Instagram e vestire le bambole con abiti creati da me”. La “Hijarbie”, così è stata chiamata la bambola, porta infatti vestiti colorati e rispettosi della religione islamica, con maniche e gonne lunghe, ma soprattutto indossa l’hijab, il tradizionale velo islamico che copre i capelli e il collo della donna che lo indossa. Come ogni ragazza alla moda che si rispetti, la Barbie velata ha outfit diversi per ogni occasione, ispirati dalle foto delle fashion blogger musulmane più amate.

L’account di Haneefa ha raggiunto 19 mila follower, ma non tutti condividono la sua scelta. Secondo molti utenti le donne che indossano l’hijab sono persone sottomesse, vittime di una mentalità repressa che non andrebbe incentivata. C’è chi, poi, accusa la studentessa di utilizzare solo bambole “bianche” con occhi blu, mentre la quasi totalità delle donne musulmane ha un fototipo più scuro. La ragazza, però, ha risposto a queste accuse, giudicandole totalmente false. “ Si tratta di creare una bambola che rappresenti le bambine, la loro cultura e la loro religione- ha dichiarato ai media – la verità è che ho utilizzato quello che avevo e in Nigeria si trovano solo Barbie caucasiche”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS