PATRIARCA KIRILL: “HO GRANDI SPERANZE PER MIO INCONTRO CON FRANCESCO” I due capi religiosi si incontreranno in aeroporto a L'Avana, poi riprenderanno i rispettivi viaggi

464
kirill

“Ho grandi speranze per il mio prossimo incontro con Papa Francesco”, lo ha detto il patriarca di Mosca e di tutte le Russie, Kirill, confidando le sue aspettative al leader cubano Raul Castro durante un incontro avvenuto presso il Palazzo della Rivoluzione a L’Avana.

È la prima volta che un patriarca russo visita l’America Latina: Kirill era già stato a Cuba 3 volte, quando era responsabile del dipartimento del Patriarcato di Mosca per le relazioni esterne, ma ora è in visita ufficiale nelle vesti di capo della chiesa ortodossa russa. “Sono arrivato qui per una visita di amicizia, su invito del capo della Repubblica di Cuba, Raúl Castro Ruz – ha detto Kirill – Il popolo di Cuba e il popolo della Russia sono stati legati da vincoli di cooperazione e di sincera amicizia per molti anni. Rivolgendomi al popolo cubano, vorrei dire che i buoni sentimenti del popolo russo hanno per Cuba sono sempre più forti oggi”. Dopo Cuba il patriarca russo partirà per visitare il Paraguay e il Brasile.

L’incontro con Papa Francesco avverrà questa sera nel salone d’onore dell’aeroporto de L’Avana. Come ha specificato il Patriarcato, l’evento è stato organizzato incrociando gli itinerari dei due capi religiosi. Si tratta di un colloquio privato, il primo in assoluto tra il capo della chiesa di Roma e quello della chiesa ortodossa russa. L’incontro dovrebbe durare circa 2 ore e sarà seguito dalla firma di una dichiarazione comune e dai discorsi dei due capi religiosi.

Papa Francesco si tratterrà a Cuba solo il tempo necessario all’incontro con il patriarca Kirill, poi partirà alla volta del Messico, vera destinazione del suo 12 esimo viaggio all’estero. Il Santo Padre rientrerà in Vaticano il 18 febbraio.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS