GRECIA, CADE UN ELICOTTERO MILITARE: 3 MORTI E' stata aperta un'inchiesta per accertare le cause che hanno provocato l'incidente

623
elicottero

Incidente in Grecia per un elicottero Agusta-Bell 212. L’aeromobile, secondo le prime ricostruzioni, è precipitato al largo dell’isola di Leros, nell’Egeo orientale, mentre era impegnato in una missione di addestramento. L’ammiraglio Evangelos Apostolakis, capo delle forze armate greche, ha spiegato che l’incidente è avvenuto durante una missione notturna e che i piloti dell’elicottero non avrebbero segnalato alcun malfunzionamento prima dell’incidente alle autorità competenti. L’Agusta Bell 212 era decollato dalla fregata “Nikiforos Fokas” nell’ambito della missione di addestramento “Astrapi” e stava volando a bassa quota sul mare come da istruzioni. L’ultimo avvistamento dell’elicottero è stato segnalato tra le Cicladi e le isole del Dodecaneso: poi il vuoto.

Niente da fare per l’equipaggio: tutti e tre gli occupanti dell’elicottero, militari greci, sono morti nell’impatto. Il primo ministro Alexis Tsipras ha già provveduto ad ufficializzare l’accaduto attraverso un messaggio di cordoglio. Intanto è stata aperta un’inchiesta per accertare le cause della tragedia. La Grecia ha al momento una forte presenza militare nel Mare Egeo orientale a causa della disputa con la Turchia sugli spazi aerei, uno dei temi caldi della politica estera nel quadrante, e per l’afflusso massiccio di migranti via mare.

Secondo uno studio condotto dallo United States Helicopter Safety Team (Ushst), gli incidenti in elicottero sono in netto calo almeno negli Usa, il Paese con il maggior numero di aeromobili del mondo. Lo Ushst, nel suo ultimo rapporto sugli incidenti negli Stati Uniti, ha infatti rivelato che nel 2014 gli eventi sono stati in totale 130, la cifra più bassa dall’inizio degli anni ’80. Numeri confortanti che non devono tuttavia ingannare. “Nel 2014 ci sono stati 130 incidenti, il che significa 130 eventi di troppo – ha sottolineato Jim Viola, manager della FAA e esponente governativo dell’Ushst -. Siamo comunque soddisfatti della costante discesa dei numeri relativi agli incidenti di elicotteri. Un sempre maggior numero di operatori, piloti, istruttori e tecnici in tutti gli Stati Uniti stanno imparando a gestire i rischi in modo più efficace, grazie anche all’impegno divulgativo dell’Ushst e dell’Ihst”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS