IL SANTO PADRE PARTE PER L’AVANA, TUTTO PRONTO PER L’INCONTRO CON KIRILL

645
  • English
  • Español
papa avana

Papa Francesco è partito per l’Avana. Il volo Alitalia è decollato alle 8.24 dall’aeroporto di Fiumicino con un ritardo di circa 45 minuti (la partenza era prevista alle 7.45) a causa di un rallentamento delle operazioni di volo legato alla precedenza data all’atterraggio di emergenza, avvenuto pochi minuti prima delle 8, del volo EasyJet Napoli-Venezia. Successivamente si è poi data la precedenza a una serie di voli in atterraggio sulla Pista 1 che hanno preceduto il decollo del volo del Pontefice.

Come di consueto Bergoglio, dopo il decollo, ha rivolto un messaggio al presidente della Repubblica. “Nel momento in cui lascio Roma per recarmi in Messico per sostenere la missione della Chiesa locale e portare un messaggio di speranza – ha scritto il Pontefice – mi è caro rivolgere a lei, signor Presidente, il mio deferente saluto che accompagno con fervidi auspici per il benessere spirituale, civile e sociale del popolo italiano, cui invio volentieri la benedizione apostolica”. Messaggi di saluto sono stati inviati dal Papa anche ai capi di Stato dei Paesi sorvolati, cioè Francia, Spagna, Portogallo, Stati Uniti e Isole Bahamas.

La risposta di Mattarella non si è fatta attendere. Santità, desidero farle pervenire il mio più sincero ringraziamento per il messaggio che ha voluto cortesemente indirizzarmi nel momento in cui Ella si accinge a partire per il Viaggio Apostolico negli Stati Uniti Messicani – si legge nella nota -. Dopo la sua visita nello scorso luglio in Ecuador, Bolivia e Paraguay e quella a Cuba in settembre, l’Italia e la comunità internazionale guardano con autentico interesse alla sua nuova missione nel continente americano”. Il Messico, ha spiegato il capo dello Stato, è un “Paese emblematico della poliedrica realtà latino-americana, nel quale contrasti profondi si accompagnano a enormi potenzialità, attende con fiducia, a partire dai poveri, dagli emarginati e da quanti vivono ogni giorno in condizioni di precarietà e difficoltà, il suo messaggio di pace, solidarietà e di speranza”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS