VIAGGIO APOSTOLICO IN MESSICO, BERGOGLIO VISITERA’ UNA DELLE PRIGIONI PIU’ PERICOLOSE AL MONDO Francesco rimarrà per circa un'ora nel carcere "Cereso 3" dove incontrerà 700 detenuti

659
prigioni

Come è accaduto in Bolivia, Papa Francesco ha comunicato che durante il suo viaggio apostolico in Messico visiterà una prigione. Lo farà mercoledì 17 febbraio a Ciudad Juarez, dove entrerà a “Cereso 3”, una delle carceri più pericolose e violente a livello mondiale, così come Juarez è stata considerata fino al 2011 la città più a rischio del pianeta. Spesso, ricorda il quotidiano Excelsior, l’ordine per portare a termine gli omicidi perpetrati in città partivano proprio da “Cereso 3”, dove d’altra parte ci sono stati dei morti durante scontri fra detenuti.

Nella prigione sono rinchiusi i “killer” di gang come “Los Aztecas” e “Los Artistas Asesinos”, che rispondono agli ordini dei “boss” dei cartelli dei Carrillo Fuentes e del Pacifico. Questo però era quanto succedeva in passato, la situazione ora è diversa, assicura il procuratore generale dello Stato di Chihuahua, Jorge Enrique Gonzalez Nicolas: “fino a sei anni fa un incontro con queste caratteristiche”, e cioè la visita del Papa, “era inimmaginabile. Sarà un evento senza precedenti, un fatto storico”. Il “Cereso 3” di Ciudad Juarez era stato tempo fa preso in considerazione anche quale possibile carcere dove rinchiudere al “Chapo” Guzman, il narco-boss del cartello Sinaloa.

Il penitenziario è stato spesso considerato quale fulcro ed emblema delle diverse gang della droga in lotta tra loro: “un tempo era il maggior covo di droghe di tutta Juarez”, ha commentato il responsabile della prigione statale dello Stato di Chihuahua, Jorge Bossuet Galarza. A “Cereso 3” ci sono attualmente 3.600 detenuti, 700 dei quali saranno presenti all’incontro con il Papa, il quale – ricordano i media – rimarrà nel carcere per circa un’ora. In vista dell’arrivo di “Francisco” stanno ormai da tempo mettendo a punto “El Corrido de Chihuahua”, il tema che – precisano i media – canteranno al Papa quale loro omaggio.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS