DUPLICE OMICIDIO A NAPOLI: DUE 30ENNI UCCISI A SAVIANO Le vittime sono Francesco Tafuro, 33 anni, e Marcello Liguori, 32 anni, quest'ultimo già noto alle forze dell'ordine per gioco d'azzardo

908
saviano

Ancora sangue nel napoletano. Due persone sono state uccise con numerosi colpi d’arma da fuoco in una zona di campagna a Saviano, nella provincia del capoluogo campano. Le vittime sono Francesco Tafuro, 33 anni, e Marcello Liguori, 32 anni, quest’ultimo già noto alle forze dell’ordine per gioco d’azzardo. I killer hanno sorpreso le vittime mentre viaggiavano in auto. Li hanno affiancati con la loro vettura e hanno iniziato a sparale costringendoli ad accostare. Il corpo del conducente è stato trovato all’interno dell’auto, l’altro a poca distanza dalla vettura perché, probabilmente, il giovane aveva tentato un’inutile fuga. Le indagini sono condotte dai Carabinieri di Nola e dal Nucleo investigativo di Castello di Cisterna che hanno dovuto attendere la rimozione delle salme da parte della scientifica per prendere i documenti e identificare i due ragazzi assassinati.

La giovane età delle vittime lascia ipotizzare una regolazione di conti per il controllo delle piazze di spaccio anche in quest’area, che solo in apparenza appare estranea alle dinamiche criminali che investono in questo momento l’intera provincia. I clan di Napoli stanno infatti cercando nuovi spazi da trasformare in fortini della vendita al dettaglio della droga, come già avvenuto nel tristemente noto quartiere partenopeo de Le Vele. Da una parte i gruppi dei giovani che cercano di emergere, dall’altra i vecchi boss che cercano di tenere sotto controllo il territorio alla vecchia maniera, senza disturbi di estranei e senza attrarre troppo l’attenzione delle forze dell’ordine. Le reali motivazioni di questo feroce duplice omicidio sarà chiaro soltanto nelle prossime ore, quando per i carabinieri sarà possibile avere più dati sulla identità e sulle attività delle due vittime.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS