TUNISIA: ARMI SEQUESTRATE NEL NORD DEL PAESE, ARRESTATO UN BELGA Le operazioni anti terrorismo si sono rafforzate dopo i recenti attentati. Controlli serrati al confine con la Libia

736
polizia tunisi

Operazione anti terrorismo in Tunisia. Gli agenti della dogana hanno, infatti, sequestrato un contenitore di armi a Nabeul, nel nord-est del Paese. Lo riferisce l’emittente “Shems Fm”, che cita fonti della sicurezza. “Sapevamo che uno straniero voleva importare delle armi, lo abbiamo seguito dal porto di Rades fino alla destinazione finale”, ha detto il colonnello tunisino Wahid Saidi, secondo cui le armi sono state sequestrate presso il domicilio di un cittadino belga. Tra queste figurano una pistola Glock, quattro pistole scacciacani, circa 60 cartucce, un fucile, quattro pistole elettriche. Sequestrato anche un computer e due manette. “Abbiamo trovato un’arma che abbiamo visto per la prima volta. Siamo in attesa di una unità specializzata per identificarla”, ha detto il colonnello in un comunicato. L’uomo è stato arrestato, secondo quanto riferisce il sito di informazione “Tunisie numerique”.

Le operazioni di sicurezza si sono rafforzate in Tunisia dopo i recenti attacchi terroristici che hanno colpito il paese. I controlli sono particolarmente serrati al confine con la Libia. Lo scorso 2 febbraio unità della Guardia nazionale tunisina hanno arrestato tre persone nella località di Ben Gardane, nel governatorato di Medenine, per avere tentato di attraversare illegalmente il confine con la Libia. Tra queste anche una ragazza nordafricana. Nella stessa area, lo scorso 13 gennaio, gli agenti di sicurezza tunisini hanno arrestato otto membri di una cellula terroristica, che stavano tentando di unirsi ai gruppi armati attivi in Libia. Alla fine del mese di gennaio le unità della Guardia nazionale hanno iniziato delle operazioni di ricerca nella località di Sfax, sulla costa orientale della Tunisia, dopo aver ricevuto delle informazioni sulla presenza di terroristi nella regione.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS