MONTEZEMOLO E MALAGO’ PRESENTANO IL DOSSIER DI ROMA 2024 La mattina del 17 febbraio, all'Eur, il Comitato Promotore condividerà il progetto con la stampa

883
dossier roma 2024

Nella Capitale è tutto pronto per la presentazione del dossier di candidatura olimpica di Roma ai Giochi del 2024. Appuntamento il 17 febbraio, alle ore 10, al Palazzo dei Congressi dell’Eur. Dinanzi ad oltre mille gli invitati, il Comitato Promotore chiama a raccolta investitori, municipalità, istituzioni, stampa, imprese, università e mondo dello sport per raccontare nei dettagli il progetto di candidatura e condividere con l’intera città la “vision” del progetto, ma non solo: anche il budget economico, le ricadute per l’occupazione, le opportunità e i benefici per il Paese. È previsto, inoltre, un grande show, trasmesso in diretta televisiva, che vedrà alternarsi sul palco il presidente del Comitato, Luca Cordero di Montezemolo, il presidente del Coni, Giovanni Malagò, il vicepresidente, Luca Pancalli, la coordinatrice generale Diana Bianchedi e la responsabile dei rapporti con gli atleti Fiona May.

La presentazione del dossier arriva dopo il si del governo italiano a sostegno della candidatura dll’Urbe come città olimpica per i Giochi del 2024. Sulla base dei testi approvati, lo Stato dovrà “individuare, in collaborazione con l’amministrazione comunale, le più opportune localizzazioni coerenti con le linee di sviluppo, di crescita e di riqualificazione stabilite dalla comunità cittadina e dai competenti enti locali, investendo su opere pubbliche funzionali allo svolgimento delle gare ma che dopo l’evento possano essere riconvertite diventando fruibili e funzionali allo sviluppo urbano e del movimento sportivo e avendo cura che tale patrimonio contribuisca alla crescita della pratica sportiva diffusa e popolare, oltre che quella professionistica e di più alto livello”.

Il governo dovrà poi attivarsi per “operare la predisposizione di un programma di opere e interventi in coerenza con gli indirizzi dell’Agenda Olimpica 2020; promuovere, in preparazione dell’evento, momenti di studio e approfondimento sulla storia e sulle finalità dei Giochi Olimpici nelle scuole di tutto il territorio nazionale; sottoporre, d’intesa con il comune di Roma Capitale, il programma degli interventi olimpici ad un’ampia campagna di informazione, di consultazione e di partecipazione dei cittadini dei territori interessati, per dare al programma stesso un carattere aperto e trasparente”.

“È un forte sì, espressione della volontà popolare, che spazza via le polemiche e che regala alla città e al Paese un’importante opportunità di riscatto anche economico e di rilancio dell’immagine internazionale”. Gli organizzatori di Roma 2024 esprimono così la loro soddisfazione dopo l’ok del Parlamento. “Abbiamo l’occasione – specifica il Comitato sul proprio sito – di dimostrare al mondo che l’Italia sa centrare gli obiettivi che si pone ed è in grado, così come accadde con le Olimpiadi del 1960 e più di recente con l’Expo, di costruire eventi di grande successo nella trasparenza e nella legalità. È un sì, anche – conclude la nota -, che pensa al futuro di un Paese che non vuole rinunciare a cogliere le sfide importanti, che dà fiducia alla capacità di realizzarle con il massimo impegno e che pensa, soprattutto, alle nuove generazioni”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS