VATICANO, MONS. WELLS E’ PROMOSSO A NUNZIO APOSTOLICO IN SUD AFRICA Il prelato statunitense andrà a rappresentare la Santa Sede anche in Botswana

748
vaticano

Quella di oggi è una nomina che era nell’aria già da tempo: l’assessore della Segreteria di Stato Peter Brian Wells lascia la Santa Sede per diventare nunzio apostolico in Sud Africa e in Botswana. Tuttavia, al momento è ancora anonimo chi prenderà il suo posto. Il ruolo di assessore è importante per il funzionamento della Segreteria di Stato. Infatti, la prima Sezione degli Affari Generali si occupa delle questioni riguardanti il servizio quotidiano del Papa, sia nei confronti della Chiesa universale, sia nei rapporti con i dicasteri della Curia Romana. Chi lavora in questi uffici aiuta il Pontefice nella preparazione dei discorsi e dei documenti e regola l’attività dei nunzi. A dirigerla è il Sostituto della Segreteria di Stato; l’assessore è il suo vice e il suo principale collaboratore.

Peter Wells, originario dell’Oklahoma, sacerdote dal 1991 e dottore in diritto canonico alla Pontificia Università Gregoriana, è entrato nel servizio diplomatico della Santa Sede nel luglio 1999; in passato ha lavorato nella nunziatura apostolica della Nigeria e, dal 2002, presso la prima Sezione della Segreteria di Stato Vaticana. Il 16 luglio 2009, Benedetto XVI lo nominava come successore di monsignor Gabriele Giordano Caccia, promosso nunzio in Libano. Bergoglio lo aveva confermato nell’incarico il 31 agosto 2013.

Ma Francesco ha rimpastato anche il personale della Segreteria per la comunicazione. Il Pontefice ha designato come Direttore del Dipartimento Teologico-Pastorale la professoressa Nataša Govekar, docente presso l’”Atelier di Teologia Card. T. Špidlík” del Centro Aletti in Roma, e Direttore della Direzione Tecnologica della Segreteria per la Comunicazione l’ingegner Francesco Masci, finora responsabile dell’area tecnica del Servizio Internet Vaticano.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS