BERLINO, YANIS VAROUFAKIS LANCIA UN MOVIMENTO PER RIPORTARE LA DEMOCRAZIA IN EUROPA Il manifesto programmatico di Diem dovrebbe essere diffuso tra pochi giorni e si baserà principalmente su un processo di democratizzazione delle istituzioni europee

652
democrazia

Yani Varoufakis torna alla vita politica e il suo obiettivo è quello di riportare la democrazia in Europa. L’ex ministro delle finanze della Grecia, definito ribelle per la sua lotta contro la Troika, ha deciso di lanciare un nuovo movimento e contemporaneamente sfidare di nuovo la Merkel. Ed è proprio da Berlino, dal teatro Volksbuhne che ha deciso di lanciare il nuovo movimento che molto probabilemte si chiamerà come la conferenza che ha organizzato oggi nella capitale tedesca.

Democracy in Europa – Movement 2025, abbreviato in Diem25. L’obiettivo principale di Varoufakis è quello di unificare i movimenti di sinistra, mantenendo come fulcro la democrazia e il rispetto della volontà dei popoli. Tra i partecipanti a Diem25 ci dovrebbero essere pensatori, attivisti e politici di sinistra, tra cui figurano l’italiano Tony Negr, l’economista americano James Galbraith e diversi rappresentanti di Podemos, il partito politico spagnolo di sinistra. Inoltre parteciperà anche John McDonnell, il deputato laburista che il nuovo leader Jeremy Corbyn ha nominato suo ministro delle Finanze ombra.

Il manifesto programmatico di Diem – che dovrebbe essere il prodotto finale di tre workshop diurni nel quale si dovrebbero delineare i punti principali del movimento – dovrebbe essere diffuso tra pochi giorni e si baserà principalmente su un processo di democratizzazione delle istituzioni europee. Dopo la rottura con Alexis Tsipras, causata dal cedimento del premier ellenico alle richieste della Troika, Varoufakis – che molto probabilmente è il ministro delle finanze più conosciuto in Europa – torna alla vita politica e si prefigge per il 2025 di convocare un assemblea costituente, mirata a formare “un’Europa democratica prima che si disintegri”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS