VIRUS ZIKA, OBAMA CHIEDE AL CONGRESSO 1,8 MILIARDI DI DOLLARI PER AFFRONTARE L’EMERGENZA I fondi saranno destinati sia alla ricerca sui vaccini e la diagnostica, ma anche per programmi di salute pubblica

916
  • Español
virus zika

Continua la lotta alla diffusione del virus Zika, che sembra diffondersi sempre di più. Anche negli Stati Uniti le autorità hanno deciso prendere dei provvedimenti e anche il presidente Barack Obama è sceso in campo annunciando che chiederà al Congresso di stanziare quasi due miliardi di dollari per affrontare e allo stesso tempo ha ricordato agli americani che non si tratta di un virus mortale.

“La buona notizia è che non è come Ebola, la gente non muore per Zika, molte persone hanno contratto il virus e non se ne sono neanche accorte”, ha dichiarato Obama in un’intervista trasmessa da Cbs This Morning. “Presenteremo una proposta legislativa la Congresso per finanziare sia la ricerca sui vaccini e la diagnostica ma anche per programmi di salute pubblica – ha detto Obama – ma non bisogna entrare nel panico, non si tratta di qualcosa per cui la gente può morire, ma deve essere presa molto seriamente”.

La maggior parte dei fonti richiesti dalla Casa Bianca, quasi 1,5 miliardi di dollari, saranno destinati al dipartimento della Sanità e trasferiti ai Centers for Disease Control and Prevention (Cdc). Uno stanziamento di 200 milioni di dollari andrà alla ricerca per i vaccini, mentre altri 250 milioni saranno destinati a Puerto Rico dove è stata dichiarata l’emergenza dopo che si sono registrate 22 infezioni.

Sono previsti anche 335 milioni per l’U.S. Agency for International Development, l’agenzia di cooperazione allo sviluppo, e 41 milioni al dipartimento di Stato per aiuti ai Paesi maggiormente colpiti dall’epidemia. Stando alle stime della fine della scorsa settimana, negli Stati Uniti si sono registrati 51 casi, con infezioni contratte all’estero in tutti i casi tranne uno, registrato in Texas, dove si è avuta un’infezione per via sessuale.
 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS