EMBRIONI OGM

1490
  • English
  • Español
manipolazione dna

Mettere mano alla Creazione è da sempre la grande tentazione dell’uomo. Più della conquista dello spazio, per molti versi ancora considerata impossibile e, quindi, meno affascinante. Migliaia di anni fa i primi chirurghi trattavano, con alterne fortune, ascessi e fratture ossee. Qualche secolo più tardi Leonardo illustrava dettagliatamente l’anatomia del corpo umano. Agli inizi del 19esimo secolo, infine, la scrittrice Mary Shelley scriveva il suo “Prometeo Moderno”, successivamente ribattezzato “Frankenstein”, nel quale dava voce al sogno proibito della scienza: sconfiggere la morte.

E’ la razionalità, la coscienza stessa della fine, che ci spinge a non accettare l’ineluttabile. A volte questo ci porta a progressi nel campo medico, basti pensare ai vaccini e alle terapie che hanno sensibilmente abbassato la mortalità nel mondo occidentale. In altri casi, invece, ci conduce verso zone grigie in cui il lecito e il proibito, l’etico e il cinico si fondono. Dove possiamo spingerci? Esiste un limite alla conoscenza? E, soprattutto, quale è il “male minore”? Domande che emergono ogni volta in cui ci troviamo di fronte alla bioetica, lì dove scienza, religione e morale si confrontano, neanche ci trovassimo ancora ai tempi di Galileo. E che tornano attuali nei giorni in cui la Human Fertilisation and Embryology Authority (Hfea), l’autorità britannica preposta al campo della fecondazione assistita ed embriologica, ha approvato la richiesta della scienziata Kathy Niakan di utilizzare embrioni geneticamente modificati per le sue ricerche.

L’obiettivo è nobile, sia chiaro. Gli studi del team mirano a fornire una comprensione più profonda di cosa accade nei primi momenti della vita umana. Per capire, tra le altre cose, quali fattori genetici possano incidere sui casi di aborto spontaneo. La sperimentazione, che coinvolge embrioni in vitro rimasti inutilizzati e si svolgerà presso il Francis Crick Institute di Londra, sarà eseguita attraverso una sorta di laser molecolare capace di interventi estremamente precisi sul dna. I geni saranno disattivati singolarmente per vedere quale sia la loro funzione. L’operazione comincerà su una cellula e si concluderà quando lo sviluppo ne avrà prodotte 250. In seguito l’embrione sarà distrutto. E qui sorgono i primi dubbi etici, vista la sacralità della vita. Se, insomma, professiamo che la dignità umana inizia sin dal concepimento come possiamo accettare che embrioni “in scatola” siano liberamente utilizzati per il progresso scientifico e successivamente disintegrati? E’ uno schiaffo alla vita.

La buona notizia, se così la si può definire, è che questi “embrioni ogm” non potranno essere impiantati in una donna. I mutanti, insomma, non vedranno la luce. Per il momento almeno… Il genetista Edoardo Boncinelli, intervistato dall’Agi, pur definendo “di base” la ricerca britannica ed escludendo che possa dare il via alla creazione di bambini “su misura”, non può prevedere se questa ipotesi potrà essere presa in considerazione in futuro. “Studiare per cercare di capire qualcosa non è mai sbagliato – ha spiegato – che poi un giorno la scienza ci condurrà verso la creazione di bambini geneticamente modificati non lo possiamo escludere”. E ha aggiunto: “Non possiamo sapere se questa ricerca sara’ l’inizio di qualcosa, ma prima poi qualcuno porterà avanti una ricerca che ci condurrà alla nascita di bambini ‘su misura’”.

Un po’ come avvenuto con la scissione dell’atomo, insomma. Enrico Fermi scoprì una nuove fonte di energia e non poteva immaginare che di lì a qualche anno sarebbe stata usata per radere al suolo Hiroshima e Nagasaki. Il rischio è che le scoperte di questa ricerca possano dare alla biogenetica un impulso decisivo verso la creazione di uomini a tavolino. Pratica su cui si sta lavorando in diverse parti del pianeta. Secondo un sondaggio realizzato in Cina

Lo scorso aprile in Cina un gruppo di scienziati aveva ammesso di aver iniziato dei test di manipolazione degli embrioni. L’esperimento, realizzato con una tecnica Crispr-Cas9 (guarda caso la stessa che sarà usata nel Regno unito) venne attuato su 86 embrioni con l’inserimento della proteina Cas9. Alla fine ne sono sopravvissuti 71 ma solo pochissimi presentavano il nuovo materiale genetico. Per i genetisti nei prossimi anni le tecniche di manipolazione consentiranno di manipolare il Qi fino a 60 punti in più. Lo spaventoso “Ubermensch” (letteralmente “Ultrauomo” di Nietszche) potrebbe insomma presto abbandonare la filosofia e diventare una realtà scientifica. Avviando l’umanità verso il suo tramonto.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

4 COMMENTS

  1. Quando gli esperimenti genetici li facevano i nazisti erano dei criminali, ora che lo fanno i paesi democratici sono “progresso civile”. Dove sta la differenza? L’uomo dietro la bramosia del potere e del danaro, sta andando incontro alla propria autodistruzione. Per fortuna c’è Dio che ci viene in soccorso.

  2. Veramente non mi vengono le espressioni adatte a descrivere la mostruosità di questa cosa!
    Ogni volta che l’uomo vuole sostituirsi a Dio, chissà com’è, finisce per fare la parte del demonio…
    Un fine «nobile» si persegue con mezzi leciti, punto.
    Ma oggi aborto, procreazione artificiale, assassinio dei più deboli (lo chiamano “eutanasia”, buona morte…) e simili sono considerati progresso, addirittura forme di pietà!

  3. L’argomentazione usata qui è quella del piano inclinato. Il timore che l’uso di una tecnica che è molto diffusa sulle cellule, in ricerca e un poco in terapia genica (cioè metto tolgo geni ) se applicata a embrioni per ricerca possa aprire alla eugenetica. Me li faccio ad hoc.

    La discussione sulla sacralità della vita dipende da cosa riteniamo persona. Se embrione di 250 cellule lo è già oppure no. In una ottica catto-cristiana già lo è. Addirittura lo è dal concepimento. Per molti altri non lo è se non impiantato in utero perché incapace di sviluppo, per altri non lo è se non c’è l’inizio di organogenesi o sistema nervoso, o un inizio di differenziamento.Come riteneva la Montalcini, 250 cellule sono un ammasso di cellule

    I modelli sperimentali servono alla scienza. OCT 4 + il gene studiato in questa ricerca. Nessun altro modello può essere così veritiero. Gli embrioni vengono soppressi in questo studio entro 14 giorni e giammai impiantati e si usano embrioni , o meglio pre-embrioni, cosiddetti extranumerari derivati da fecondazioni in vitro, il cui destino è comunque quello di non aver futuro.

    Forse dar loro un futuro verso l’umanità di poter offrire informazioni alla scienza sarebbe importante. Cmq resterebbero in azoto liquido crioconservati vita natural durante.

  4. Capisco Daniela che partendo da una prospettiva differente da quella cristiana, e quindi non considerando già vita quella degli ebrioni in oggetto, sia più facile accettare che vengano utilizzati per la ricerca e poi distrutti (tanto più se è già votato che non verranno mai impiantati). La questione però non riguarda solamente gli embrioni che la ricerca citata sta utilizzando, ma le prospettive che la stessa può aprire in futuro. A volte si tacciano i cattolici di voler tappare le ali alla scienza mettendo veti di origine etica su ricerche che -almeno al loro primo stadio- sembrano volte al bene dell’uomo (sconfiggere malattie, allungare la vita,…), ma il mondo cattolico spesso adotta un principio di prevenzione, intravedendo nei possibili sviluppi di tali ricerche maggiori sofferenze che beneficio per l’uomo. Uscendo dalla sfera cattolica ci sono tanti registi assolutamente laici che hanno utilizzato il filone della manipolazione genetica e della creazione dell’uomo in provetta e su misura, che ben mettono in luce i possibili risvolti catastrofici di tali ricerche, ne cito solo due e neanche tanto recenti: Gattaca e The island…fantascienza futuristica? Con l’utero in affitto intanto siamo già arrivati a poter comprare legalmente altri uomini.

LEAVE A REPLY