STATI UNITI: BILL COSBY SARÀ PROCESSATO PER MOLESTIE SESSUALI Il famoso attore dei Robinson sarà processato per molestie sessuali, lo ha deciso un giudice della Pennsylvania che ha rigettato la richiesta di archiviazione

391
cosby

Bill Cosby sarà processato per molestie sessuali contro l’ex giocatrice di basket Andrea Constand, lo ha deciso il giudice Steven O’Neill del Tribunale di Norristown, Pennsylvania. L’attore aveva infatti richiesto l’archiviazione basandosi su un accordo processuale di 10 anni fa con il precedente procuratore distrettuale Bruce Castor. Nel 2005 l’ex procuratore ritenne, infatti, che non ci fossero abbastanza elementi per processare Cosby, dichiarando inoltre che la testimone-chiave (la stessa Andrea Constand) non fosse attendibile.

La donna denunciò l’attore dei Robison nel 2005, riferendo di essere stata drogata e violentata dall’attore nella sua villa di Philadelphia. L’accusa della Constand aveva spinto altre donne (una cinquantina) a denunciare molestie sessuali di vario genere da parte di Cosby, ma nonostante le loro dettagliate ricostruzioni delle violenze subite, l’attore è stato indagato e processato solo per il caso della Constand.

Il giudice O’Neill, comunque, ha deciso di respingere la richiesta di archiviazione presentata dai legali di Cosby, ritenendo non valido l’accordo processuale del 2005, e ha inoltre rigettato la richiesta della difesa di sollevare dal caso l’appena eletto procuratore distrettuale Kevin Steele, che secondo gli avvocati dell’attore avrebbe usato il caso a scopi politici durante la sua campagna.

Bill Cosby in America era considerato un uomo al di sopra di ogni sospetto, il padre di famiglia che tutti gli adolescenti avrebbero voluto. Ora, l’intero Paese sa che dietro quello sguardo benevolo si nascondeva in realtà un uomo pieno di segreti inconfessabili.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS