BERLIN INTERNATIONAL FILM FESTIVAL: UN’ITALIANA NELLA GIURIA Alba Rohrwacher sarà uno dei giudici della kermesse cinematografica, giunta quest'anno alla sua 66esima edizione

477
film

Quest’anno il filo conduttore del Berlin International Film Festival sarà “la ricerca della felicità” e “la migrazione nel mondo nelle sue diverse forme”, così ha annunciato il direttore, Dieter Kosslick, durante la presentazione dell’evento.

La kermesse cinematografica, arrivata alla sua 66esima edizione, avrà luogo dall’ 11 a al 21 febbraio, come sempre nella capitale tedesca. La giuria sarà presieduta dal premio Oscar Meryl Streep e ne farà parte anche la nostra bravissima attrice Alba Rohrwacher, vincitrice di numerosi premi internazionali e apprezzatissima in Italia. I giudici decreteranno il vincitore il 20 febbraio.

Al festival di Berlino saranno presentate 18 opere, provenienti da tutte le parti del mondo, Iran, Tunisia, Filippine, solo per citarne alcune. Sarà presentato anche un film italiano, “Fuocoammare”- Fire at sea, in inglese – del regista Gianfranco Rosi, che racconta il dramma dei migranti che sbarcano nell’isola di Lampedusa per raggiungere l’Europa.

Grande attesa per tre grandissimi attori di Hollywood, Nicole Kidman, Colin Firth e Jude Law, che presenteranno il loro film “Genius”, la storia dell’editore Max Perkins, un uomo brillante, che pubblicò – tra gli altri – Ernest Hemingway e Thomas Wolfe. Il festival si aprirà con la proiezione della pellicola fuori concorso “Ave Cesare!” dei fratelli Coen, che vede protagonisti attori del calibro di George Clooney e Josh Brolin.

Lo scorso anno l’Orso d’oro andò a al film “Taxi” del regista dissidente iraniano Jafar Panahi, un’opera che è stata fortemente ostacolata dal governo di Teheran, tanto che all’artista è stato impedito di girare scene nel Paese.  Anche quest’anno, ci saranno ben due film iraniani in gara: “A dragon arrives!” di Mani Haghighi e “Soy nero”, di Rafi Pitts.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS