IL TELESCOPIO CHANDRA CATTURA IL “SUPER LAMPO” EMESSO DA UN BUCO NERO Il getto, composto da particelle che viaggiano quasi alla velocità della luce, si propaga per oltre 300 mila anni luce nello spazio: un'estensione pari al triplo di quella della nostra galassia, la Via Lattea

469
chandra

E’ stata necessaria una ricerca durata tre lustri, ma alla fine è arrivato il risultato. Il telescopio spaziale della Nasa Chandra, è riuscita a “catturare” il potente getto emesso dal buco nero che si trova al centro della galassia Pictor A, distante 500 milioni di anni luce dalla Terra. Il getto, composto da particelle che viaggiano quasi alla velocità della luce, si propaga per oltre 300 mila anni luce nello spazio: un’estensione pari al triplo di quella della nostra galassia, la Via Lattea.

Lo ha osservato il telescopio spaziale Chandra della Nasa, in una ricerca durata 15 anni. Le immagini, combinate con quelle ottenute a terra dall’Australia Telescope Compact Array, sono state analizzate dal gruppo di ricerca coordinato da Martin Hardcastle, dell’università britannica di Hertfordshire, e pubblicate nella rivista Monthly Notices of the Royal Astronomical Society.

Grazie alla relativa vicinanza del buco nero e alla grande risoluzione del telescopio Chandra, è possibile osservare anche un ‘controgetto’ del buco nero, che punta nella direzione opposta ed appare molto più debole nell’immagine perché è lontano dalla linea di vista della Terra. Entrambi i getti sono generati dall’energia prodotta dai materiali che cadono nel buco nero. Sono stati osservati anche dei ‘lobi’ di gas che si estendono ai due lati del buco nero e somigliano ad ali di farfalla colorate in rosso:sono formate dai gas che vengono spinti verso l’esterno dal getto.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS