SODALIZIO CON LA FONDAZIONE PICCOLO, LA “EINAUDI” GUARDA AL FUTURO Presentata la sinergia tra le due istituzioni culturali. L'avvocato Benedetto eletto presidente del Cda

441
einaudi

La Fondazione Einaudi di Roma può guardare al futuro grazie alla collaborazione avviata con la Fondazione Piccolo, una delle più antiche e gloriose istituzioni culturali italiane intervenuta per mettere in sicurezza il patrimonio politico culturale dove viene custodito il pensiero liberale. “Ciò significa – si legge in comunicato stesso della Einaudi – che potranno proseguire ed essere rilanciate tante attività fatte di studi, ricerche e iniziative culturali che rivolgeranno particolare attenzione alle tematiche politiche ed economiche, tanto nei loro presupposti storici quanto nella loro incidenza sulla vita sociale”.

Questa sinergia ha portato l’assemblea dei soci “a varare il nuovo consiglio di amministrazione che ha eletto presidente l’avv. Giuseppe Benedetto, nonché presidente anche della Fondazione Piccolo, e vice presidente Davide Giacalone”. Saranno affiancati in questa opera di rilancio da prestigiosi nomi che rappresentano ancora oggi la continuità storico-politica della Fondazione Einaudi, a partire dal presidente ad honorem Mario Lupo, prodigatosi negli anni affinché la Fondazione continuasse ad essere un punto di riferimento della cultura liberale italiana.

“La Fondazione Einaudi – prosegue la nota – sarà immediatamente operativa con un restyling del proprio sito internet e attivando profili social. Viene altresì confermato l’impegno formativo della Scuola di Liberalismo, marchio di fabbrica della Fondazione Einaudi”. Nel 2016, per la prima volta, sarà infatti organizzato il primo campus estivo che permetterà a molti giovani di avvicinarsi alla cultura e al pensiero democratico e liberale. Una nuova iniziativa che andrà ad aggiungersi alle consuete attività corsistiche svolte sino al 2015″.

Sin dalla sua nascita nel 1962 per iniziativa di Giovanni Malagodi “la Fondazione ha svolto una preziosa funzione di diffusione delle idee e delle opere dei principali esponenti della cultura liberale – economisti, filosofi, politici – troppo spesso ignorati anche in ambito accademico”. Attraverso la concessione di borse di studio mirate a ricerche ed approfondimenti specifici, la Fondazione ha inoltre contribuito alla formazione di una classe dirigente più sensibile alle istanze di un liberalismo moderno e consapevole dei grandi processi di trasformazione che stanno cambiando il mondo.

Nel corso della sua esistenza la Einaudi è stata presieduta da personalità “che hanno svolto un ruolo di rilievo nel campo culturale ed in quello politico”. Tra questi Gaetano Martino, statista e più volte ministro nonché fisiologo di fama mondiale; Ruggero Moscati, storico tra i maggiori del Novecento; Vittorio Badini Confalonieri, ministro e insigne penalista; Franco Mattei, economista, manager, per molti anni direttore generale di Confindustria; Giancarlo Lunati, scrittore e manager, presidente del Touring Club Italiano; Valerio Zanone, uomo di cultura, deputato, senatore, più volte Ministro, segretario del Pli, recentemente scomparso; Roberto Einaudi, architetto e nipote di Luigi Einaudi.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS