SERIE A, UNA ROMA FORMATO EGITTO BATTE 2 A 0 IL SASSUOLO Salah sblocca il risultato, Berardi sbaglia il rigore, El Shaarawy raddoppia

374
Roma Sassuolo Salah

La cura Spalletti fa bene alla formazione capitolina: nell’anticipo del turno infrasettimanale di Serie A, la Roma trova la seconda vittoria di fila. E’ la partita dei faraoni firamta Salah ed El Shaarawy. Ma è soprattutto la vittoria della sofferenza, dopo un secondo tempo passato in costante ripiegamento, a difendere il gol di Salah. in attesa dei match di questa sera, la Roma si ripropone in zona Champions, ma ringrazia Berardi, che a tre minuti dal finale sbaglia il rigore del pareggio. Ora Spalletti si siede in poltrona ed aspetta di vedere cosa faranno Fiorentina e Inter.

Di Francesco conferma Trotta al centro dell’attacco e rilancia Biondini in mezzo al campo. Spalletti invece fa subito esordire Perotti, preferendo Keita a Vainqueur in mezzo al campo, al fianco di Pjanic. Il primo spunto è un tiro da fuori di Sansone (5′), ma poi è la Roma a prendere in mano le redini del gioco: l’ultimo acquisto giallororsso si muove bene tra le linee, Keita scherma la difesa in fase di non possesso e Pjanic inventa il gioco da tutte le posizioni. Nell’altra metà campo Berardi e Sansone provano ad offendere allargando gli schemi, ma Magnanelli fatica a tenere la squadra corta. A rompere gli indugi è Salah all’11’, con un sinistro a giro che si insacca alle spalle di Consigli. Dopo pochi minuti El Shaarawy protesta per un doppio intervento in area prima di Vrsaljko e poi di Acerbi, ma l’arbitro lascia proseguire. A scuotere il Sassuolo dal torpore ci prova Berardi con un sinistro dalla distanza, ma la palle finisce fuori. Prima dell’intervallo ecco il sedicesimo infortunio muscolare di questa stagione romanista: ad arrendersi è De Rossi, messo fuori causa da un problema al polpaccio sinistro.
Senza De Rossi, Spalletti si riorganizza usando Zukanovic in mezzo con Rüdiger e Gyomber a sinistra. La Roma perde equilibrio, mentre il Sassuolo pian piano vien fuori. L’inizio delle ripresa è fatta dall’avanzata neroverde, con Sansone che impegna Szczesny. Il portiere polacco poi salva il risulato su di un sinistro a girare di Berardi. La replica della Roma è tutta nella magia di Pjanic bravo nel liberare Salah, che poi però spreca tutto a tu per tu con Consigli. Dalla parte di Maicon imperversano Sansone e Peluso, con Berardi (24′) che non riesce a trovare l’angolo giusto. L’occasione per pareggiare il Sassuolo se la guadagna al 41′: Pellegrini può calciare, ma non lo fa per il fallo in ripiego di Nainggolan. Secondo giallo per il belga e rigore per il Sassuolo. Berardi lo sbaglia. La partita la chiude all’ultimo con un tap-in di El Shaarawy su invenzione di Perotti. Spalletti si gode la sua seconda vittoria consecutive, mentre il Sassuolo sembra non uscire più dalla sua crisi.
Il faraone è soddisfato: “Abbiamo sofferto nel modo giusto, è stata una vittoria di cuore ed orgoglio”, dice El Shaarawy. Sull’assist di Perotti commenta: “Siamo venuti qui per dare una mano e una sovlta al campionato. Anche se abbiamo sofferto abbiamo messo carattere e grinta. Abbiamo portato a casa i tre punti, come il mister aveva chiesto. Quello di Spalletti è un lavoro psicologico, ma sa prendere bene i giocatori, conosce bene la piazza e l’ambiente. Potremo crescere molto con lui. Lavoriamo per un solo obiettivo, vincere per noi e per i tifosi”. Per Stephan è un momento di rinascita: “Una rivincita, diciamo. Ho passato momenti difficili, ora cerco di riprendermi tutto con impegno. Ma è quello che ho sempre fatto, anche quando ero infortunato ho lavorato per cercare di uscire dal momento difficile, ora il lavoro mi sta ripagando. Dobbiamo continuare così senza esaltarci troppo.”
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS