PRIMARIE USA IN IOWA: TRUMP SCONFITTO, CLINTON PAREGGIA CON SANDERS I risultati delle primarie hanno smentito i sondaggi che davano per favoriti Trump e Clinton. Sorpresa Rubio, che si piazza a un solo punto dal tycoon newyorchese

556
  • Español
iowa

I sondaggi sono stati smentiti: in Iowa i candidati favoriti del partito repubblicano e democratico non hanno ottenuto quello che tutti avevano calcolato. Mentre Hillary Clinton pareggia con il suo avversario Bernie Sanders (la prima ha ottenuto un 49.9%, il secondo un 49.6%) , Donald Trump (24%) viene battuto clamorosamente da Ted Cruz (28%), che lo stacca di ben 4 punti.

Nel caso di Donald Trump, inoltre, c’è una doppia sconfitta: il giovanissimo Marco Rubio, senatore della Florida, è riuscito quasi a superarlo, raggiungendo un clamoroso 23%, solo un punto dall’imprenditore newyorchese. Per quanto riguarda Ted Cruz, invece, si tratta di una vittoria schiacciante e lo stesso senatore parla di un trionfo del popolo contro la lobby dei media, riferendosi all’enorme esposizione mediatica di cui sta godendo Trump. Cruz promette che né la Clinton, né Sanders riusciranno a vincere e a “prendersi il Paese dopo 7 anni di Obama”.

Anche per Jeb Bush non c’è stato un buon risultato: ha ottenuto solo il 2.8% di preferenze, ma non si da ancora per vinto. “La vera corsa per la Casa Bianca – afferma Bush – comincia in New Hampshire il 9 febbraio”.

Il New Hampishire, a quanto pare, sarà realmente un banco di prova per tutti. Hillary Clinton sa che il suo avversario è dato per favorito e teme di andare incontro a un’altra sconfitta. Non a caso, vuole volare il prima possibile verso la prossima tappa, per preparare in terreno e guadagnare qualche punto in più.

L’Iowa è stato decisivo anche per altri due candidati, che hanno deciso di ritirarsi: l’ex governatore del Maryland, Martin O’Malley, e Mike Huckabee, candidato repubblicano.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS