VIRUS ZIKA: L’OMS DICHIARA L’EMERGENZA INTERNAZIONALE "Serve uno sforzo internazionale contro il virus", ha affermato il direttore generale Margaret Chan

520
  • Español
zika

Il virus Zika è “un’emergenza internazionale di salute pubblica”. E’ quanto ha deciso il comitato di esperti convocato dall’Oms, l’Organizzazione mondiale della Sanità, che ha dato l’annuncio durante una conferenza stampa a Ginevra. Proprio come accaduto per l’Ebola (dall’agosto del 2014), per la Polio (da maggio del 2014) e per l’influenza “suina”, il virus Zika si è diffuso così rapidamente, tanto da allarme gli esperti della sanità.

“Serve uno sforzo internazionale contro il virus”, ha affermato il direttore generale Margaret Chan. “Gli esperti – ha spiegato Chan – sono stati d’accordo nell’affermare che la relazione causale tra l’infezione da virus Zika in gravidanza e la microcefalia è ‘fortemente sospetta’, anche se non è ancora scientificamente provata”.

Il comitato, ha aggiunto Chan, non ritiene al momento che ci siano le condizioni per chiedere restrizioni nei viaggi o nei commerci per prevenire la diffusione del virus. Quella da virus Zika non è un’infezione temibile come le altre già dichiarate Emergenza Internazionale di Salute Pubblica, ha però ricordato David Heymann, a capo della commissione dell’Oms che ha preso la decisione. “Lo Zika virus da solo non sarebbe stato definito un’emergenza – ha sottolineato – perchè per quanto ne sappiamo non causa condizioni cliniche gravi. E’ solo per questo possibile legame con la microcefalia che abbiamo deciso di dichiararla emergenza internazionale, ma non sappiamo quanto ci vorrà per trovare il link”. Heymann ha ricordato che al momento per le donne in gravidanza sono sconsigliati i viaggi nei paesi colpiti.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS