TENTA DI ASSALIRE UNA PATTUGLIA ISRAELIANA, PALESTINESE UCCISO Il fatto è avvenuto a 30 chilometri di Tel Aviv. L'assalitore aveva tirato fuori un coltello

425
soldati israeliani

Proseguono in Medio Oriente le violenze legate alla “Intifada dei Coltelli”, lanciata da Hamas lo scorso ottobre. Questa mattina un palestinese è stato ucciso dagli spari dei soldati israeliani dopo che aveva superato la barriera di recinzione della Cisgiordania e cercato di attaccare un pattuglia militare. E’ accaduto all’alba all’altezza della località di Salit, ad est della città di Kfar Saba, a circa 30 chilometri da Tel Aviv.

Secondo un comunicato dell’esercito, il giovane ha saltato la barriera che separa il territorio occupato della Cisgiordania da quello israeliano ma è stato individuato dai sistemi elettronici di vigilanza. “Quando i militari sono arrivati sul posto, l’assalitore ha tirato fuori un coltello e cercato di attaccare i soldati. In risposta alla minaccia”, conclude il comunicato, “i soldati hanno aperto il fuoco e l’hanno ucciso”.

L’Intifada dei Coltelli è iniziata dopo la chiusura della Spianata delle Moschee di Gerusalemme imposta dalle autorità israeliane. Hamas cerca di cavalcare il malcontento dei palestinesi anche per le recenti politiche edilizie a favore dei coloni avviate da Tel Aviv. Decisioni che hanno attirato le critiche della comunità internazionale e in particolare del segretario generale Onu, Ban ki moon, il quale la scorsa settimana si è durante scontrato con Benjamin Netanyahu.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS