TURCHIA, SCOPERTA IN CAPPADOCIA UNA CHIESA DEL V SECOLO DOPO CRISTO Tra gli affreschi, quelli più preziosi rappresentano scene raramente ritratte dall'iconografia cristiana

405
CHIESA

Un’area sotterranea che si estende per ben 360mila metri quadri, in un sito archeologico che si sviluppa per ben 11 insediamenti, con un dedalo di gallerie che si estendono per almeno 7 chilometri collegando templi e presidi abitativi. Si tratta dell’estensione del sito archeologico sotterraneo, scoperto a partire dal 2012, nella città di Neveshir, nella regione storica della Cappadoccia e che negli ultimi giorni è balzato agli onori della cronaca per una nuova importantissima scoperta.

Infatti, qui, gli studiosi hanno portato alla luce una chiesa sotterranea scolpita nella roccia che potrebbe risalire al V secolo dopo Cristo, con affreschi che si presentano in buono stato di conservazione e che stanno suscitando molto interesse tra gli studiosi e gli storici d’arte.

Tra gli affreschi, quelli più preziosi rappresentano scene raramente ritratte dall’iconografia cristiana. “Ci è stato detto – ha dichiarato alla stampa il sindaco della città di Nevsehir e riportato dall’agenzia Fides – che alcuni degli affreschi ritrovati qui sono unici. Ci sono rappresentazioni suggestive come quella con Gesù che lascia cadere dei pesci dalle sue mani, o quella con Gesù che ascende al cielo, o che lotta contro gli spiriti malvagi. Quando la chiesa verrà riportata alla luce, la Cappadocia potrebbe diventare ancora di più una meta di pellegrinaggi”. Altri affreschi rappresentano la crocifissione di Gesù e le immagini di apostoli, santi e profeti come Mosè ed Elia. La continuazione dei lavori di scavo, non ancora ultimati, potrebbe portare alla luce altre ambienti con mura affrescate.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS