DRAMMA AI CARAIBI: BIMBO ITALIANO DI 16 MESI MUORE IN UN INCIDENTE STRADALE Il piccolo viaggiava con i genitori su un minibus utilizzato per una gita sull'isola durante una tappa della crociera

498
  • Español
caraibi

Dramma ai Caraibi, sull’isola di Dominica, dove un bimbo italiano di 16 mesi ha perso la vita in seguito ad un incidente stradale. Il piccolo stava viaggiando su un minibus utilizzato per una gita sull’isola durante una tappa della crociera. Infatti il bambino e la sua famiglia si trovavano a bordo della Msc orchestra per una vacanza. Oltra la piccolo rimasto ucciso e ai suoi genitori, a bordo del veicolo – che non avrebbe alcun rapporto con la Msc, ma che sarebbe stato noleggiato in maniera indipendente dai crocieristi – viaggiavano altri quattro turisti, altri due italiani e due brasiliani.

Non è ancora chiara la dinamica dell’incidente e non si conosco i dettagli, l’unica certezza è la morte del bambino, mentre la sua mamma è stata ricoverata “in osservazione”; illesi gli altri passeggeri del minibus che sono rientrati a bordo della nave da crociera.

I sette crocieristi, secondo le prime ricostruzioni, avrebbero lasciato la nave per una gita alle cascate gemelle di “Trafalgar Falls”, a soli 20 minuti di strada da Roseau. Un breve tragitto, intervallato anche da una sosta ad una piattaforma d’osservazione da cui si gode un suggestivo panorama, che è stato fatale per il piccolo turista. Tutta Msc crociere, lo staff e la proprietà, hanno fatto sapere di essere vicini alla famiglia del bambino colpita dalla tragedia. La conferma del coinvolgimento di alcuni italiani nell’incidente era arrivata nel tardo pomeriggio di oggi anche dalla Farnesina. “Stiamo seguendo la vicenda con la massima attenzione”, avevano precisato fonti del Ministero degli Esteri sottolineando che il Consolato italiano a Caracas, in stretto rapporto con Msc Crociere, stava facendo tutte le opportune verifiche. Il console onorario a Barbados è inoltre in arrivo sul posto per fornire ai “connazionali coinvolti tutta la possibile assistenza”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS