ROHANI VOLA A PARIGI, MA LA FRANCIA PENSA A NUOVE SANZIONI Secondo l'Ap il governo transalpino starebbe valutando la possibilità di punire l'Iran per i recenti test missilistici

397
rohani

La visita di Hassan Rohani in Francia inizia con il piede sbagliato. Mentre il presidente iraniano arriva a Parigi per un viaggio storico da fonti europee emerge che il governo transalpino ha appena chiesto ai suoi partner di pensare a nuove sanzioni per Teheran dopo i recenti test missilistici. A rivelare la notizia è stata l’agenzia Associated Press (Ap), citando due funzionari di paesi europei che hanno parlato dietro anonimato. I due hanno precisato che la richiesta è stata formalizzata la settimana scorsa durante il Consiglio dei ministri degli Esteri dei 28, pochi giorni dopo la revoca delle sanzioni per il programma nucleare. La proposta sarebbe attualmente all’esame dell’Ue.

La maggior parte dei membri dell’Unione, però, la ritiene controproducente in relazione agli sforzi attuali per riallacciare legami politici ed economici con l’Iran dopo il lungo gelo dell’Occidente nei confronti del programma nucleare iraniano. Dopo le polemiche per i risvolti protocollari del suo viaggio in Italia e ora in Francia – dove si era riproposto il quesito sull’opportunità di servire vino a tavola – Rohani è atteso oggi alle 15 all’Eliseo, per un incontro con il presidente Francois Hollande. Sullo sfondo, la firma di contratti faraonici con Airbus (114 aerei) e diverse altre aziende francesi. L’Iran ha effettuato un nuovo test missilistico lo scorso 10 ottobre e allora quattro paesi (Usa, Francia, Germania e Gran Bretagna) avevano chiesto al Comitato per le sanzioni dell’Onu l’apertura di un’inchiesta. Teheran aveva ribattuto che i suoi missili balistici erano esclusivamente difensivi, non concepiti come vettori di armi nucleari e non ricadevano, quindi, nell’ambito di alcuna risoluzione Onu.

I due funzionari hanno riferito che la richiesta francese è giunta un giorno dopo la decisione degli Stati Uniti di imporre nuove sanzioni dopo il lancio di un missile iraniano a medio raggio. L’agenzia Ap precisa che il governo francese non ha voluto commentare la notizia e che, in un messaggio per posta elettronica, l’Unione europea non ha voluto confermare la richiesta francese. Tuttavia, un diplomatico di Parigi, che ha parlato dietro anonimato, ha citato il ministro degli Esteri Laurent Fabius, secondo il quale l’Ue starebbe effettivamente esaminando l’imposizione di nuove sanzioni all’Iran ma non ha voluto svelare quale governo dei 28 abbia preso l’iniziativa. Rohani deve incontrare oggi la Confindustria francese prima di recarsi all’Eliseo. Con il presidente Francois Hollande – secondo il programma della presidenza – terrà al termine dell’incontro una conferenza stampa congiunta.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS