CORRUZIONE: ITALIA SECONDA IN EUROPA, PEGGIO SOLO LA BULGARIA Migliora la situazione a livello mondiale, dove il nostro Paese si piazza al 61esimo posto

394
corruzione

L’Italia è tra i Paesi più corrotti d’Europa, peggio di noi c’è solo la Bulgaria. A dirlo sono i dati del Corruption Perceptions Index 2015, un indicatore statistico ideato da Transparency International, l’organizzazione non governativa che ogni anno redige la classifica sulla corruzione pubblica percepita a livello mondiale. I dati del rapporto sono estrapolati attraverso interviste a uomini di affari ed esperti di economia internazionale, nonché utilizzando i sondaggi realizzati dal World Economic Forum e dal World Justice Project. Secondo Transparency “non esiste un modo affidabile per calcolare i livelli assoluti di corruzione sulla base di dati empirici oggettivi”, ma l’unico modo attendibile è misurare la percezione e poi comparare i dati delle diverse nazioni.

La corruzione, secondo una definizione data dalla stessa Transparency, è “ un abuso del potere pubblico per interessi privati”. In pratica, un Paese corrotto è un luogo dove in bene collettivo si piega ai bisogni dei privati, ignorando completamente le norme giuridiche e i principi liberali del rule of law.

I dati del 2015 parlano chiaro: il Bel Paese si colloca al 61° posto tra le 168 nazioni analizzate, guadagnando un punto rispetto allo scorso anno, ma posizionandosi comunque penultimo nella classifica delle nazioni europee. Prima di noi, sono arrivate anche la Grecia e la Romania. Tuttavia, sembra che il nostro Paese stia finalmente invertendo la rotta, come precisa Virginio Carnevali, presidente di Transparency Italia: “ come dimostra la cronaca, la strada è ancora molto lunga e in salita – afferma Carnevali – ma constatiamo con piacere che finalmente si è avuta un’inversione di tendenza rispetto al passato, che ci fa sperare in un ulteriore miglioramento per i prossimi anni”.

Per quanto riguarda, invece, le nazioni più “virtuose” troviamo sul podio la Danimarca (primo posto) , seguita dalla Finlandia e dalla Svezia. I Paesi con il più alto livello di percezione della corruzione sono, invece, la Somalia, la Corea del Nord e l’Afghanistan.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS