RENZI: “IN SIRIA DOBBIAMO COINVOLGERE TUTTI, ANCHE L’IRAN” Il premier dopo l'incontro con Rohani: "Distanti sui diritti umani. Ma possiamo dialogare"

415
renzi rohani

Per trovare una soluzione politica in Siria e combattere il terrorismo occorre coinvolgere “tutti gli attori regionali e quindi anche l’Iran”. Lo ha detto Matteo Renzi dopo l’incontro al Campidoglio con il presidente Hassan Rohani. Da parte dell’Italia “non mancherà l’impegno perché negli scenari più caldi si possa lavorare insieme. Se abbiamo raggiunto l’accordo sul nucleare possiamo farlo sulla Siria, dobbiamo farlo”

Il premier auspica che si possa “finalmente arrivare una soluzione pacifica, a una transizione verso la democrazia e permettere che in quella martoriata terra torni la pace e tutti insieme potremo contrastare il terrorismo di Daesh salvaguardando l’impegno dei nostri popoli”, ha aggiunto Renzi ribadendo che “l’accordo sul nucleare segna un cambio di stagione straordinario. Siamo certi che lo sforzo delle intese di Vienna possa essere solo il primo passo per una nuova stagione di pace e prosperità non solo in Iran ma in tutta la regione. Ho reso omaggio alla determinazione di Rohani, dei suoi e del suo governo per questo risultato”.

Per quanto riguarda i rapporti economici Renzi ha confermato: “Abbiamo siglato i primi accordi ma è solo l’inizio di un cammino: ci sono settori in cui possiamo e dobbiamo lavorare di più. Dobbiamo creare le condizioni per una presenza attiva degli imprenditori italiani ed europei in Iran, per accedere insieme al grande mercato che ci circonda”. Restano distanti le posizioni sui “diritti umani” ma “abbiamo dimostrato di saper dialogare e discutere”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS