DEBITO PUBBLICO, BRUXELLES AVVERTE L’ITALIA: “RISCHI NEL MEDIO PERIODO” Lo sostiene il rapporto sulla Sostenibilità delle Finanze pubbliche della Commissione Europea

354
commissione europea

Il debito italiano è a rischio nel medio periodo. Lo sostiene il rapporto sulla Sostenibilità delle Finanze pubbliche della Commissione Europea. Le criticità sono, infatti, alte “nel medio termine da una prospettiva di analisi della sostenibilità del debito, in seguito a un elevato livello di debito alla fine delle proiezioni” nel 2026 e “l’alta sensibilità a possibili shock alla crescita nominale e ai tassi d’interesse”.

Tuttavia con l’attuazione “della riforma delle pensioni non ci sono rischi futuri’, dice ancora Bruxelles: “Non ci sembrano essere rischi di sostenibilità” dei conti pubblici “nel lungo periodo, supponendo la piena attuazione delle riforme pensionistiche adottate in passato e a condizione del mantenimento della bilancia strutturale primaria al livello previsto dalla Commissione per il 2017 (2,5% del pil) ben oltre quell’anno”.

Nessun problema, infine, nel breve periodo dove non esistono rischi di “stress di bilancio“. Ma “la quota di non performing loans nel settore bancario potrebbe rappresentare una fonte importante di rischi di passività a breve termine”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS