GRAN BRETAGNA, SCATTA LA CACCIA AL DEPUTATO Nel Regno Unito i parlamentari stanno vivendo in un clima di odio, subendo minacce e violenze da parte dei cittadini, arrabbiati ed esasperati da una politica che non li tutela

406

Lo scontento nei confronti di chi ci governa può arrivare a livelli molto pericolosi. Un sondaggio tra 239 politici del Regno Unito ha svelato un clima di paura e minacce che i rappresentati del popolo britannico subiscono da mesi. Infatti, i recenti scandali che hanno colpito le più alte istituzioni del Paese – Westminster, Camera dei Comuni e House of Lords – hanno creato molto malcontento e sdegno tra i cittadini, che spesso reagiscono con odio e violenza.

L’indagine è stata ideata da un centro di ricerca specializzato nello studio delle minacce a figure di alto profilo, il Fixated Threat Assessment Centre, che ha pubblicato il risultato sul Journal of Forensic Psychiatry and Psychology. Secondo i dati rilevati, su 329 parlamentari intervistati ben 192 hanno vissuto esperienze negative nel corso dell’ultimo anno, mentre circa la metà ha subito danneggiamenti alla proprietà privata o nei casi peggiori minacce alla famiglia.

Tra le varie testimonianze raccolte dall’Observer c’è chi riferisce di aver subito violenze fisiche, come nel caso del deputato al quale hanno tirato un mattone o del parlamentare preso a pugni per strada da un passante. Una deputata, invece, ha raccontato come la sua vita sia completamente cambiata in seguito alle minacce subite, ammettendo di soffrire di attacchi di panico e di poter più uscire liberamente di casa se suo marito non si accerta che non c’è nessun pericolo ad attenderla fuori.

A fronte di questa situazione, c’è chi chiede che le forze di polizia facciano qualcosa per proteggere i parlamentari, prendendo più seriamente questi episodi che potrebbero portare, prima o poi, a una tragedia.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS