ONDATA DI GELO A TAIWAN: 57 MORTI Temperature al di sotto delle medie stagionali sono state rilevate anche in Cina, Giappone, Corea del Nord e del Sud

464
taiwan

Un’inconsueta ondata di freddo ha colpito Taiwan provocando la morte di 57 persone, per la maggior parte anziani, nella zona di Taipei.Un responsabile dei soccorsi ha spiegato che il problema principale è stato il repentino abbassamento delle temperature, che ha fatto scendere la colonnina di mercurio fino a quattro gradi centigradi. Una temperatura così non si registrava da 16 anni nel Paese subtropicale, dove la maggior parte delle abitazioni non è dotata di riscaldamento.

L’anomala ondata di gelo, che solo pochi giorni fa ha messo in ginocchio gli Stati Uniti, ora si è spostata tra Cina e Giappone. In Corea del Nord le temperature hanno raggiunto anche i 30 gradi sotto lo zero, mentre in Corea del Sud, oltre 90mila turisti sono rimasti bloccati nell’isola di Jeju – patrimonio dell’umanità e considerata un vero e proprio paradiso dei turisti – dove il termometro ha raggiunto i 16 gradi sotto lo zero e le autorità hanno decretato la chiusura dell’aeroporto.

Anche il Giappone è stato colpito dall’inconsueta ondata di freddo dove oltre mille voli sono stati cancellati a causa delle forti nevicate e almeno sei persone sono morte, tra il weekend e la giornata di lunedì, a causa delle basse temperature.

Temperature da record anche in Cina dove, la neve è caduta abbondantemente nella città di Guangzhou, dove non nevicava dal 1967. L’ondata di freddo (le temperature sono tra gli 8 e i 10 gradi sotto le medie di stagione), che ha colpito il Paese nel periodo in cui la popolazione si appresta a celebrare il Capodanno lunare che cade l’8 febbraio, ha causato la morte di 4 persone.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS