IL PASTICCIO CIRINNÀ

1241
  • English
  • Español
ALDO BUONAIUTO

E’ un grave errore quello di risultare discriminatori. Le barricate al grido di “la famiglia è superata”, sono inopportune e inaccettabili. In questa storia è proprio il punto di partenza a essere sbagliato, perché manca la ricerca del dialogo.

E così vediamo connazionali che ancora una volta vengono contrapposti, messi l’uno contro l’altro anche per colpa dell’incapacità dei nostri governanti di legiferare. Se il Parlamento fosse fatto da chi conosce il Paese, se vi sedesse chi davvero lo rappresenta, non saremmo arrivati a questo punto.

Il pasticcio Cirinna, che per ingordigia ha voluto inserire nel ddl di tutto e di più, ha sciupato quella che per loro poteva essere l’occasione di portare a casa il risultato sperato. Non si è stati capaci di realizzare una proposta di legge fluida, chiara e senza arroganza, cadendo così nel solito torbido.

Io sono contrario alle unioni civili, perché l’Italia è già un grande Paese civile, molto aperto, tollerante su tutti i fronti. Fa tristezza sentirci dire di essere retrogradi perché non abbiamo parificato certi bisogni “di parte” all’istituzione famiglia. Questa nazione invece di sentirsi inferiore alle altre, dovrebbe orgogliosamente essere un punto di riferimento per i valori e per quelle radici cristiane che appartengono a tutta l’Europa.

La contrapposizione creata, invece, è voluta da coloro che non hanno scrupoli nel pretendere addirittura che si coinvolgano la vita, la crescita e la formazione interiore dei bambini. In modo mascherato si vuole creare una famiglia parallela e alternativa alla famiglia naturale. Il discorso sulle adozioni, ad esempio, è tristemente evidente. Ma cosa c’entrano i bambini? Lasciateli fuori da queste strumentalizzazioni.

La famiglia non può diventare plurale perché può soltanto fondarsi sul matrimonio tra un uomo e una donna. La nascita di un figlio è un dono di Dio che passa attraverso un amore vero, gratuito e non artificioso. Purtroppo anche tante coppie di sposi pensano che un figlio si possa prenotare in qualche modo, o volerlo a tutti i costi. Anche la scienza medica è venuta incontro a questo bisogno molto umano ed egoistico superando tanti limitI.

Eppure persino molte persone omosessuali non tollerano questa forzatura del “figlio a tutti i costi”, ma a loro non viene data voce, anzi il linciaggio è alle porte per chiunque provi a pronunciarsi contro una certa lobby. Questa guerra fratricida però a chi serve di fatto? Siamo certi che tutto sia finalizzato ad assicurare qualche diritto in più oppure c’è dietro qualcos’altro… il dio denaro? Siamo a un punto di non ritorno, dove il business domina sulle scelte di un popolo spesso anche inconsapevole.

Una svolta antropologica profonda, che tocca certe giunture, dove non si potrà più tornare indietro ma solo subire e ancora una volta sopportare quel principe della menzogna che sta scatenando tutto ciò. Oggi molti parlamentari si lamentano del caos procurato dal ddl Cirinnà, che non ha voluto solo regolare un diritto relativo a una convivenza – che sia una pensione o un’eredità – bensì si è cercato di scardinare un sistema di vita naturale.

Ma ciò che realmente è innaturale è che un manipolo di onorevoli con a capo un non eletto si arroghi il diritto di stravolgere i principi cardine di milioni di cittadini.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

8 COMMENTS

  1. Uno stato laico come ormai sostiene anche la chiesa è giusto che regolamenti unioni civili che non assomiglino al matrimonio e che lascino fuori le adozioni. Se continuiamo a sostenere che siamo contrari anche alle unioni civile con queste caratteristiche allora si che possiamo essere attaccati a ci ritroviamo il matrimonio egualitario. Ce la facciamo a sostenere almeno quella che ormai è la posizione di gran parte della chiesa?

  2. E’ il solito provincialismo di cui siamo affetti e che ci porta a fare quel che fanno gli altri Paesi per la paura di essere definiti retrogradi.
    Ci sono un sacco di cose che facciamo in perfetta solitudine (tipo salvare vite nel Mediterraneo) e di cui invece andiamo orgogliosi.
    Io capisco che, se uno nasce senza un organo vitale, possa mettersi una protesi. Ma solo per soddisfare bisogni primari. Non per altri fini. Tanto meno che pretenda di mettere al mondo o adottare un figlio, come se fosse un giocattolo.

  3. Bisognerebbe fare un elenco delle richieste della Crinna’ e vedere quante di esse sono già soddisfatte dai Diritti Civili, vedrete che quelle che rimangono sono solo quelle che vogliono distruggere il Sacramento Magnum del matrimonio, cara Cirinna’

  4. condivido al 100% e credo lo facciano la maggioranza degli italiani ma in questo periodo storico è la minoranza che ha il potere economico e mediatico, si fa lobby e condiziona chi lo gestisce., che poi è il mestiere delle lobbies per definizione.

  5. …stravolgere la natura…non porta mai bene…(Gennaio 2016).

    Svegliarsi da un incubo

    Viene di notte nel sonno a infiltrarsi
    l’angelo nero ch’agl’incubi attende,
    e cuore e mente in un limbo sospende
    dove maniera non c’è di svegliarsi.

    E non c’è modo nemmen di sottrarsi
    al sortilegio che quei sovrintende.
    Che il creato incupisce ed offende,
    e non c’è più – poi – da meravigliarsi

    dei naturali stravolgimenti…
    di ribellioni di monti…di mari…
    perché il peggiore degl’inquinamenti

    è di natura far… snaturamento.
    Speriamo passi quell’incubo…o amari
    saranno i risvegli…Uomo, memento!

    Armando Bettozzi
    24 Gennaio 2016

  6. perchè quell’ultimo comma ? …. don Aldo, ribadisco, …. perchè quell’ultimo comma ?
    le consiglio un corso di esercizi spirituali, Ignaziani, per un corretto discernimento dei propri pensieri.
    auguri.

  7. Uomini dei quali le mie labbra non pronunciano i nomi, sono ormai alla deriva; uomini ormai posseduti e comprati affinché votino secondo i disegni di distruzione. .. Vorrei vedere ciascuno di loro, fatti bambini, e adottati o comprati da coppie che non siano un papà e una mamma. Li vorrei vedere e vorrei anche ascoltare il grido del loro cuore…

LEAVE A REPLY