LA CLINTON NON TEME BLOOMBERG: “VINCERO’ IO LA NOMINATION DEMOCRATICA” Il repubblicano Trump: "Mi piacerebbe vedere Michael correre e competere con lui"

413
clinton

Hillary Clinton non sembra affatto intimorita dall’annuncio di una possibile candidatura del magnate 73enne Michael Bloomberg, già sindaco di New York, che correrebbe da indipendente. L’ex first lady ha chiarito la sua posizione senza mezzi termini: “Michael Bloomberg non avrà bisogno di correre per la presidenza – ha assicurato – perché io vincerò la nomination democratica”. Intervistata da “Meet the Press” ha poi aggiunto: “Farò del mio meglio per garantirmi la nomination e partiremo da lì. Il modo in cui l’ho interpretato – riferendosi a Bloomberg – è che se io non vinco la nomination, allora potrebbe prendere in considerazione l’ipotesi. Allora lo solleverò da questo onere: avrò la nomination, così non sarà obbligato”. Anche l’altro sfidante democratico, Bernie Sanders, ha ostentato la medesima sicurezza della sua collega: “Se Michael Bloomberg scenderà in campo come indipendente vincerò io la corsa per la Casa Bianca. La battaglia tra Bloomberg e Trump, due miliardari newyorchesi – ha concluso – mi favorirà”.

Sul fronte avversario – quello repubblicano – Jeb Bush si è detto scettico: “Non credo che Michael Bloomberg scenderà in campo. A meno che non si profili un duello tra Donald Trump e Bernie Sanders”. Che poi è il nocciolo del problema perché Bloomberg si candiderebbe proprio in funzione anti-Trump se dalle primarie democratiche uscisse vincitore il candidato più ‘debole’ nella sfida per la Casa Bianca. Non sembra temere il magnate newyorkese nemmeno il principale avversario, Donald Trump: “Mi piacerebbe vedere Michael correre, mi piacerebbe competere con lui”, ha commentato l’attuale frontrunner repubblicano. Trump è convinto che i suoi elettori non voterebbero mai per un candidato come Bloomberg apertamente contrario alla liberalizzazione delle armi. Da parte sua, l’ex primo cittadino della Grande Mela ha fatto sapere che scioglierà le riserve a marzo, vale a dire con i risultati delle primarie in mano.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS