STRAPPO NEL PD SULL’UTERO IN AFFITTO, DEM IN AFFANNO SUL DDL CIRINNA’

443
renzi cirinnà

Nel Pd si registra un altro scossone sul ddl Cirinnà. Protagonista ancora una volta la componente cattolica del partito di Matteo Renzi che, dopo aver presentato un emendamento sull’affido rafforzato, rilancia con una proposta di modifica riguardante l’utero in affitto. In pratica, se la norma dovesse essere approvata, la maternità surrogata sarà punibile anche se fatta all’estero. E’ ancora presto per capire se i cattodem vogliano andare a fondo su questo emendamento o se invece si tratti di una proposta volta ad “alzare” l’asticella prima dell’intesa finale. Fatto sta che sulle unioni civili la maggioranza continua a scricchiolare.

La proposta, presentata dall’ex montiano Gianpiero Dalla Zuanna e che ha già incassato il placet di Maurizio Sacconi, estende la punibilità della pratica della gestazione per altri anche se realizzata, da cittadini italiani, all’estero, prevedendo il carcere da 2 mesi a 3 anni (e una multa da 600mila a un milione di euro) e disciplinando che, se accertata la pratica della maternità surrogata da parte di uno dei due partner (gay o eterosessuale) e in assenza di legame biologico del nato con uno dei genitori risultanti nell’atto di nascita ricevuto dall’estero, il giudice “dichiara lo stato di adottabilità del minore”.

L’accordo, difficile al momento, potrebbe delinearsi con un richiamo, per iscritto, al divieto della pratica della maternità surrogata ex legge 40 ma che, a meno di 48 ore dalla scadenza del termine degli emendamenti, appare tuttavia lontana. Il nodo chiave, nel Pd e nella maggioranza, resta la stepchild adoption: i pontieri al Senato lavorano per poter arrivare a modifiche che non inciampino nel rischio di trattamenti discriminatori per i minori ma, sul punto, resta alta la probabilità che saranno l’Aula, e il voto segreto, a decidere. E con i Cattodem ben lontani dallo scendere dalla trincea, la sponda del M5s tutt’altro che sicura e i centristi fermi nella loro opposizione alle adozioni, le probabilità che la stepchild passi sembrano assottigliarsi.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS